Venerdì 21 Giugno 2024

Bonus nido, proroga della scadenza per invio ricevute: fino a quando

Per le domande presentate lo scorso anno c’è ancora tempo per inviare tutte le fatture all’Inps: ecco cosa cambia

C’è ancora un altro mese di tempo per inviare le ricevute dei pagamenti delle rette per i beneficiari del bonus asilo nido. A comunicarlo è l’Inps, specificando alle famiglie che il termine per le fatture è stato spostato fino al 30 giugno 2023. Vediamo cosa cambia.

Asili nido  Iscrizioni online  fino maggio
Asili nido Iscrizioni online fino maggio

Bonus asilo nido: cos’è e a quanto ammonta

Il bonus asilo nido è un contributo Inps per sostenere le famiglie con il pagamento delle rette degli asili nido o per assistenza familiare. Il valore del bonus è diviso in 11 mensilità e si struttura in tre fasce di reddito:

  • per le famiglie con Isee fino a 25mila euro il contributo è pari a 3 mila euro
  • per le famiglie con Isee tra a 25.001 e 40mila euro il contributo è pari a 2.500 euro
  • per famiglie con Isee superiore a 40mila euro il contributo è pari a 1.500 euro.

La domanda per ottenere il bonus deve essere presentata dal genitore che paga la retta, e l’iter si conclude con il caricamento nel sistema dei documenti che certificano gli avvenuti pagamenti nel corso dell’anno.

Nidi, proroga scadenza Inps per invio documenti

Il termine per l'invio dei documenti, precedentemente fissato per l’1 aprile, è stato prorogato al 30 giugno 2023. C’è ancora un mese di tempo, dunque, per inviare le ricevute dei pagamenti delle rette d'iscrizione. Come ricorda Inps, il contributo annuale viene erogato soltanto dopo la presentazione delle fatture che attestano l’avvenuto pagamento delle rette. Tali rette fanno riferimento alle domande inoltrate all’Inps nello scorso anno, dunque alle spese sostenute dalle famiglie da gennaio a dicembre 2022.

Leggi anche: Bonus asilo 2023, come ottenerlo

Quali documenti allegare per il bonus asilo nido

Il documento da allegare alla domanda deve costituire la prova dell’avvenuto pagamento delle rette. Pertanto può essere una ricevuta, una fattura, un bollettino bancario o postale, la trattenuta in busta paga, ecc. La documentazione di avvenuto pagamento deve inoltre indicare:

  • codice fiscale del minore
  • nominativo del genitore che paga la retta
  • mese di riferimento
  • gli estremi di pagamento
  • denominazione o partita iva dell’asilo nido
Approfondisci:

Bonus centri estivi 2023, ecco a chi spettano e come funzionano

Bonus centri estivi 2023, ecco a chi spettano e come funzionano

Come allegare le fatture

La presentazione delle fatture per il bonus asilo nido può essere fatta solamente online tramite sito Inps. Per farlo è sufficiente accedere al servizio “Bonus asilo nido e forme di supporto presso la propria abitazione” dove è presente il pulsante “Allega documenti”. In alternativa, si può utilizzare il servizio “Bonus nido” sull’app Inps. Per allegare le fatture sono possibili due procedure. Qualora i documenti riguardino più mesi di frequenza, allora il file contenente la fattura va allegata a ogni mese di riferimento. Diversamente, se per lo stesso mese sono presenti più fatture, allora tutte le ricevute vanno allegate in un unico file.