Mario Draghi
Mario Draghi

Roma, 26 marzo 2021 - Niente zona gialla, neppure 'rafforzata'. Ma priorità alle scuole. Prende forma il nuovo decreto Covid, dopo la riunione di oggi tra le forze di maggioranza, il Cts e il premier Mario Draghi. Il provvedimento vedrà la luce a inizio settimana prossima e conterrà l'annunciata proroga delle restrizioni dopo il 6 aprile, fermo restando i divieti già previsti per Pasqua e Pasquetta.

Spostamenti, seconde case, visite: le restrizioni fino al 30 aprile

Cosa cambia dal 7 aprile

Pasqua in zona rossa: spostamenti e seconde case: dove si può andare

Linea dura quindi, con lo schema attuale dei colori (dall'arancione in su) che resterà in vigore fino al 30 aprile. E senza l'auspicato alleggerimento per le regioni dove i contagi consentirebbero un passaggio in zona gialla. Si era parlato di aprire ristoranti e bar a pranzo, magari fino alle 15. Ma l'ipotesi è sfumata: fonti presenti all'incontro col Cts riferiscono che la novità di rilievo sarà solo quella di riaprire le scuole in zona rossa, dagli asili fino alla prima media. Resta quindi il divieto di spostamenti tra Regioni, almeno fino a fine del prossimo mese. Considerato il ponte del primo maggio, le riaperture, se ci saranno, arriveranno solo dal 3 maggio. 

Vaccini agli over 80: il report regione per regione / Pdf

Cts

A quanto si apprende, la posizione del Cts sarebbe stata netta: Silvio Brusaferro e Franco Locatelli avrebbero ribadito la gravità dei dati e la necessità di confermare le chiusure per evitare una risalita della curva epidemiologica. Nessuna chance per cinema, teatri o palestre.

Effetto Covid nel 2020: tutti i dati Istat

Ristori

Le chiusure andranno di pari passo con i rimborsi: sarà chiesto, intorno al 10 aprile, un nuovo scostamento di bilancio, propedeutico agli aiuti.

Fino a quando le chiusure

La scadenza del decreto è fissata al 30 aprile, in concomitanza con la fine (per ora) dello stato d'emergenza. Solo in un secondo momento sarà valutata la proroga dello stato di emergenza e, di conseguenza, eventuali nuove chiusure. La speranza, non celata, è che gli sforzi di queste settimane consentano di contenere l'epidemia, così da poter riaprire, gradualmente, da maggio. 

Decreto Covid: oggi il vertice

Il presidente del Consiglio brucia le tappe: dopo la cabina di regia ora Draghi tiene una conferenza stampa dove riferisce del Consiglio europeo di ieri. Sarà probabilmente l'occasione per rispondere a qualche domanda sul decreto e delineare il quadro delle prossime misure.

Bollettino Covid: i numeri dei contagi del 28 marzo

Scuole

L'unico spiraglio il Comitato tecnico scientifico lo ha fornito sulla riapertura delle scuole dopo Pasqua in zona rossa, vera grande novità del provvedimento in arrivo (sempre un dl, i nuovi Dpcm sono stati ormai abbandonati). Il Governo ha quindi deciso di far ripartire nella fascia più alta di rischio le scuole per l'infanzia, le primarie e anche la prima media. Si valuta l'ipotesi di sottoporre a tamponi studenti e prof per monitorare i contagi. 

Concorsi

Dal 6 aprile dovrebbero ripartire anche i concorsi pubblici. Secondo il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, l'ok arriverà "al 99%". L'incontro in merito coi membri del Cts è terminato intorno a mezzogiorono. 

Colori regioni

Monitoraggio Iss, l'indice Rt in Italia è in calo questa settimana a 1.08: qui tutti i dati delle regioni. Cruciale l'evoluzione dei parametri a livello locale: comunicati i nuovi colori delle regioni. Lombardia, Emilia Romagna e Veneto restano in zona rossa dove passano Toscana, Calabria e Val d'Aosta. Il Lazio passa in arancione.