Sabato 13 Luglio 2024

Il figlio di Aldo Spinelli: “Dopo la scomparsa di mia madre impossibile gestirlo. Pensavamo a un amministratore di sostegno”

Inchiesta in Liguria, il ritratto che Roberto Spinelli fa del padre davanti al giudice per le indagini preliminari

La Spezia, 17 maggio 2024 – Dopo la scomparsa della madre era “ingestibile” e più volte si era pensato di “mettergli un amministratore di sostegno”. È questo il ritratto che Roberto Spinelli fa del padre Aldo davanti al giudice per le indagini preliminari che sta indagando sull’inchiesta ligure

"Dopo la scomparsa di mia madre era impossibile gestirlo. Era una situazione in cui più volte abbiamo pensato di mettergli l'amministratore di sostegno”, le sue parole rilanciate da alcuni quotidiani. Sui rapporti col governatore Toti, “mio padre non riusciva a capire che non si poteva fare”, e comunque era “Toti che lo chiamava” quando c'erano “situazioni elettorali o delle cene”.

"Toti ci faceva le sceneggiate per chiedere i finanziamenti”, racconta il figlio di Spinelli al giudice parlando di una situazione da “far west”, con il padre che continuava a disattendere i suoi consigli. Al giudice, Roberto Spinelli racconta anche i rapporti tra il padre e il presidente dell'Autorità portuale Paolo Signorini. “Lui ha trovato in questo Signorini un supporto - racconta -. Non c'era più mia madre, mio padre ha la quinta elementare ed è un uomo di 84 anni, ma Signorini è una persona laureata, scolarizzata, nella sua vita penso volesse fare il funzionario pubblico e poi è andato in Iren, uno di questo livello può fare queste cose?”.

Per quanto riguarda i bonifici ai partiti "io ho intimato a mio padre di non far più finanziamenti a soci da anni. Io non ho mai dato finanziamenti illeciti in cambio di favori”.