Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Ansa)
Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Ansa)

Palermo, 15 dicembre 2018  - Una speleologa è ferita e bloccata in una grotta a 100 metri di profondità in provincia di Palermo. Sono già in corso le operazioni di salvataggio da parte del Soccorso alpino e speleologico. In profondità si stanno calando una squadra e un medico, ma il recupero non sarà facile e potrebbe durare qualche ora.

La donna è bloccata a Isnello, nel Palermitano. La grotta è chiamata l'Abisso del Vento e si trova alle pendici di Cozzo Balatelli. E' lunga circa 2 chilometri e una profondità di 220 metri. 

La donnna ha 45 anni ed è originaria di Bronte, nel Catanese. L'incidente è avvenuto questo pomeriggio quando la speleologa, che stava compiendo un'escursione con altri 8 compagni, per colpa di una caduta si è ferita, e forse si è procurata una frattura a una gamba. Due compagni di escursione non l'hanno abbandonata, mentre gli altri del gruppo sono usciti e hanno cercato di dare l'allarme al Cnsas, ma con enormi difficoltà visto che in zona non c'è campo per i cellulari. 

Solo alle 20 sono arrivati 15 tecnici del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico della stazione Palermo-Madonie, accompagnati da due medici. In aiuto è giunto anche personale specializzato della X Delegazione speleo di Catania.