Pozzolo sospeso dal gruppo della Camera di Fratelli d’Italia. Una consulenza balistica per fare luce sullo sparo di Capodanno

La decisione parlamentare era attesa. La procura di Biella ha sentito come testimoni il sottosegretario Delmastro, la sindaca e l’assessore di Rosazza

Roma, 9 gennaio 2004 –  Il deputato Emanuele Pozzolo è stato sospeso dal gruppo di Fratelli d'Italia dopo i fatti di Capodanno. La decisione, attesa, è stata presa dall'ufficio di presidenza del gruppo e a darne notizia è stato il capogruppo alla Camera, Tommaso Foti.

Pozzolo sospeso dal gruppo di FdI alla Camera (Ansa)
Pozzolo sospeso dal gruppo di FdI alla Camera (Ansa)

L’indagine sullo sparo

Intanto prosegue a ritmo serrato il lavoro della procura di Biella su quando accaduto durante la notte di San Silvestro nella pro loco di Rosazza dove un colpo di pistola partito dall'arma del deputato ha ferito a una gamba Luca Campana, 31enne elettricista. Al vaglio degli investigatori le testimonianze rese subito dopo l'accaduto e quelle raccolte nei giorni seguenti, tra cui quelle del sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro, della sorella Francesca Delmastro, sindaca di Rosazza, e dell'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Biella, Davide Zappalà, tutti ascoltati ieri pomeriggio come testimoni al Palazzo di Giustizia. In attesa dell'esito dello stub, esame che dovrà accertare o meno la presenza di residui di polvere da sparo sulle mani e sugli abiti del parlamentare, gli investigatori potrebbero già nei prossimi giorni affidare una consulenza balistica per ricostruire la traiettoria del proiettile. Al momento, comunque, non dovrebbe essere imminente la convocazione in procura del parlamentare per essere interrogato.

Come sta il ferito

E sembrano destinati ad allungarsi i tempi della completa guarigione di Luca Campana. Da ambienti vicini all'indagine filtra che i dieci giorni di prognosi indicati inizialmente dai medici terminano domani ma ancora ieri, come riferiscono i conoscenti, il giovane camminava a fatica servendosi di stampelle. È probabile che, in caso di persistenza dei disturbi fisici, vi sarà una nuova visita. Il giovane elettricista ha presentato una querela contro Pozzolo, indicato come la persona che stava maneggiando la pistola nel momento in cui è partito lo sparo. Il proiettile gli si era conficcato nel quadricipite di una coscia; i medici lo hanno estratto dalla parte posteriore poco al di sotto del gluteo.

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui