Martedì 28 Maggio 2024

Poliziotto accoltellato, il collega uccide l’aggressore

Migration

NAPOLI

Tutto è iniziato a tarda sera, in un’abitazione nel centro storico di Napoli. Mario Ementato, 29 anni, è in preda agli effetti della droga e dopo un’accesa discussione ha ferito con un paio di forbici sia la madre che il compagno della donna, che ha cercato inutilmente di fermarlo. Poi il giovane come in preda ad un raptus, ha raggiunto il commissariato di polizia Vicaria, dove il patrigno era corso a denunciare l’accaduto.

Un agente, intervenuto per disarmarlo, è stato ferito alla gamba destra e stava per essere colpito dalla coltellata per una seconda volta, quando è intervenuto in sua difesa un altro poliziotto. Quest’ultimo ha sparato ferendo gravemente alle gambe il 29enne: Ementato è morto in ospedale, verosimilmente a causa di un’emorragia. L’agente che ha sparato è attualmente indagato, come atto dovuto e a sua tutela, per omicidio. Nello stesso ospedale dove è stato portato il 29enne che poi è deceduto, sono stati medicati e dimessi il patrigno e l’agente accoltellato.