Lunedì 20 Maggio 2024

Palermo, la preside antimafia arrestata per corruzione. Chi è Daniela Lo Verde

Con la complicità della vicepreside della scuola Giovanni Falcone si sarebbe appropriata di cibo per la mensa e materiale (computer e tablet) dell’istituto. Disposta sospensione immediata

Una delle più note esponenti dell'antimafia palermitana, la preside della scuola Giovanni Falcone del quartiere Zen, Daniela Lo Verde, insignita anche del titolo di Cavaliere della Repubblica, è stata arrestata dai carabinieri nell'ambito di una indagine coordinata dai pm della Procura Europea Gery Ferarra e Amelia Luise con le accuse di peculato e corruzione. Si sarebbe appropriata, con la complicità del vicepreside Daniele Agosta, anche lui arrestato, di cibo per la mensa dell'istituto scolastico, computer, tablet e iphone destinati agli alunni e acquistati con i finanziamenti europei.

Le immagini delle indagini dei Carabinieri e, nel fotino, Daniela Lo Verde
Le immagini delle indagini dei Carabinieri e, nel fotino, Daniela Lo Verde

Entrambi gli indagati sono ai domiciliari. Nell'indagine è coinvolta anche una terza persona, Alessandra Conigliaro, la dipendente del negozio R-Store di Palermo che alla preside avrebbe regalato tablet e cellulari in cambio della fornitura alla scuola, in aggiudicazione diretta e in esclusiva, del materiale elettronico. In particolare la preside avrebbe messo in condizione la dipendente, pure lei ai domiciliari, di fare preventivi su misura a discapito di altre aziende sempre per acquisiti realizzati nell'ambito di progetti finanziati dal Pon o da enti pubblici. Tra questi il finanziamento di 675mila per la scuola dell'infanzia, il progetto denominato "Stem”, il progetto P.o.. denominato “Edu Green” di 17.500 euro e il Decreto “Sostegni Bis” per le scuole.

Per la dirigente scolastica è stato anche disposto “il provvedimento di sospensione immediata”. Lo fa sapere il ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara che sottolinea come “in tempi brevi sarà nominato il reggente”. Il ministero fa sapere che “saranno inviati degli operatori psico-pedagogici, a supporto di tutta la comunità scolastica nell'elaborazione di quanto accaduto oggi”. 

L’inchiesta

L'inchiesta che oggi ha portato all'arresto della preside antimafia della scuola Giovanni Falcone di Palermo Daniela Lo Verde, ai domiciliari per corruzione e peculato, nasce dalla denuncia ai carabinieri di una ex insegnante dell'istituto che ha raccontato agli inquirenti di una "gestione dispotica della cosa pubblica da parte dell'indagata”, scrive il gip che ha disposto i domiciliari per la donna, gestione che era impossibile contrastare salvo correre il rischio di ritorsioni.

L'insegnante ha descritto la dirigente come “avvezza alla violazione delle regole”: da quelle sull'emergenza sanitaria a quelle dei finanziamenti europei. I progetti scolastici, tutti approvati all'unanimità, secondo la donna non venivano attuati in modo diligente e tra le docenti era frequente la prassi di raccogliere ex post, e non durante lo svolgimento delle attività, le firme dei ragazzi coinvolti. Questo perché ai progetti affidati alla scuola Falcone in realtà gli alunni non partecipavano o partecipavano in numero ridotto e dipendendo dal numero degli studenti partecipanti l'ammontare dei fondi ricevuti, si rischiava di perdere il denaro. La docente ha anche rivelato che spesso le fatture per gli acquisiti, ad esempio per la palestra, venivano gonfiate e che solo una parte dei soldi veniva spesa per strumenti didattici, mentre il resto del denaro veniva investito in abbigliamento e scarpe per la dirigenza della scuola. Le dichiarazioni dell'ex maestra, confermate ai carabinieri da altri insegnanti, hanno fatto partire le intercettazioni.

Daniela Lo Verde ha 53 anni. Per la sua attività nella “scuola di frontiera” della Zen 2. Nota per le sue battaglie per l’alfabetizzazione e la difesa della scuola Falcone (presa periodicamente d’assalto dai vandali) nel giugno del 2020 ha ricevuto dal presidente della Repubblica, Mattarella il titolo di Cavaliere al merito "per l'impegno dimostrato durante la pandemia”.