Sabato 22 Giugno 2024

Orsa uccisa, i cuccioli si sono riuniti nell’area del Parco: non saranno catturati

Notati ieri sera sotto pianta di melo, sono in buone condizioni. In corso necroscopia su Amarena

Teramo, 5 settembre 2023 - Sono giorni di apprensione per le sorti dei cuccioli dell’orsa Amarena, dopo che la mamma è stata uccisa da un uomo che ha sparato dopo essersi trovato il plantigrade nel giardino di casa. 

Per salvaguardare i cuccioli nei giorni scorsi sono stati impiegati 100 uomini e droni, ritenendo la cattura l’unica via possibile per metterli in salvo dai predatori. Ma ora la situazione è cambiata e i responsabili del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (Pnalm) hanno fatto sapere che la cattura non è più necessaria, visto che i due cuccioli, dopo essersi separati per un po’ di tempo, si sono riuniti all’interno dell’area dell’area del Parco. 

Non solo. A spingere gli esperti su questa direzione anche il particolare che i piccoli plantigradi sono stati visti nelle vicinanze di una pianta di melo in aperta montagna, segno di una capacità di provvedere al reperimento di cibo.

L'orsa Amarena con i cuccioli
L'orsa Amarena con i cuccioli
Approfondisci:

Orsa Amarena, l’uomo che ha sparato: “Mi minacciano di morte, non vivo più”

Orsa Amarena, l’uomo che ha sparato: “Mi minacciano di morte, non vivo più”
Approfondisci:

Orsa Amarena uccisa, il parco: “Cuccioli vivi, si sono separati”

Orsa Amarena uccisa, il parco: “Cuccioli vivi, si sono separati”

Si tifa per una loro indipendenza e autonomia all'interno dell'areale del Parco che permetterebbe loro di sopravvivere in condizioni naturali. I tecnici del Parco hanno accertato che i due cuccioli hanno percorso più di 10 chilometri dal luogo dove è stata uccisa la madre a San Benedetto dei Marsi (L'Aquila), ma non è escluso che, data anche la giovane età, proseguano le loro scorribande nel territorio.

Approfondisci:

Orsa Amarena uccisa, avvistati i cuccioli: fallita cattura. Il direttore del Parco: “Troppi curiosi”

Orsa Amarena uccisa, avvistati i cuccioli: fallita cattura. Il direttore del Parco: “Troppi curiosi”

Autopsia su Amarena

Intanto prosegue l’indagine per fare chiarezza sulla dinamica della morte di Amarena nella notte tra giovedì e venerdì scorso.

I due periti nominati dalla Procura della Repubblica di Avezzano stanno procedendo ai rilievi nell’abitazione di Andrea Leombruni, il 56enne di San Benedetto dei Marsi, indagato per l’uccisione dell’animale. 

A quanto appreso fin qui, Amarena sarebbe stata raggiunta da un unico colpo di carabina 7.62 che l'avrebbe colpita alla spalla in una zona vitale: dalle lastre e dall'esame autoptico si capirà se il colpo è partito dall'alto verso il basso e quale sia stata l'agonia dell'animale.

La carcassa dell'orsa Amarena è arrivata poco dopo le 13.30 presso l'Istituto Zooprofilattico di Teramo (Izs) per l'esame necroscopico. La carcassa era arrivata ieri sera a Teramo e questa mattina, a bordo di un furgone rosso, era stata portata nella clinica veterinaria dell'Università di Teramo per gli esami radiografici.

La procedura per le lastre si è protratta per molte ore, cosicché tecnicamente l'autopsia di Amarena avrà inizio nel primo pomeriggio. Insieme ai periti, il veterinario Rosario Fico e il tecnico balistico Paride Minervini, all'università era presente anche il veterinario dell'Istituto Zooprofilattico Stefania Salucci, che risiede ad Avezzano (L'Aquila).