4 apr 2022

Orban IV è ancora re d’Ungheria Ma in Europa non ha più alleati

Sconfitta l’opposizione liberale, che denuncia irregolarità e pressioni. Verso il sì anche alla legge anti-gay

Selfie al seggio per Viktor Orbán, 58 anni, sposato con Anikó Lévai, cinque figli. Nel 1989, studente all’Università, partecipò alla cacciata dei sovietici
Selfie al seggio per Viktor Orbán, 58 anni, sposato con Anikó Lévai, cinque figli. Nel 1989, studente all’Università, partecipò alla cacciata dei sovietici
Selfie al seggio per Viktor Orbán, 58 anni, sposato con Anikó Lévai, cinque figli. Nel 1989, studente all’Università, partecipò alla cacciata dei sovietici

BUDAPEST (Ungheria) La grande coalizione anti-Orbán ci ha sperato fino alla fine, combattendo per l’ultimo voto anche a colpi di denunce su scorrettezze elettorali. Ma, a tarda sera, le indicazioni informali dei comitati dell’attuale premier, Viktor Orbán, fornivano numeri, in linea con gli ultimi sondaggi, che gli assegnavano una nuova vittoria, la quarta consecutiva: 49 per cento contro il 41 dell’unico competitor, il cattolico moderato Peter Marki-Zay, capo di un’ampia ed eterogenea opposizione, che va dai conservatori ai progressisti. Il primo ministro in carica, con il suo partito, Fidesz, sarebbe a 121 seggi su 199, mentre l’alleanza di opposizione otterrebbe 77 seggi: secondo gli exit poll dell’Istituto ungherese Median. Ma al 23 per cento dello spoglio le cifre sono maggiormente a favore del partito al potere: 134 seggi contro 57. Una vittoria netta ma che non arriva al controllo assoluto del Parlamento: "Mi aspetto una grande vittoria ma non una maggioranza di due terzi", ha puntualizzato Gergely Gulyas, capo dello staff del premier. Unico dato certo per entrambi i fronti, la partecipazione al voto, intorno al 67 per cento. Se le prime cifre saranno confermate, per l’opposizione sarà comunque una battuta d’arresto significativa. "L’opposizione vincerà, anche se di misura", spiegava alla vigilia la vice sindaca di Budapest, Kata Tuttő, tra gli esponenti dei movimenti anti-Orban. Eppure, i sondaggi dei giorni scorsi, se restituivano l’immagine di un Paese spaccato, davano anche un vantaggio a Orban. Ma se i numeri saranno quelli di metà spoglio, saremo di fronte a una clamorosa sconfitta per una fetta rilevante della società civile ungherese. Insegnanti, studenti, associazioni Lgbt. Tanto più se dovesse passare, come sembra, anche il referendum sulla legge che vieta la promozione dell’omosessualità: legge definita "una vergogna" dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, che è valsa all’Ungheria l’avvio di una procedura d’infrazione, ultimo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?