L’ultimo carceriere di Mussolini compie 101 anni

Ferdinando Tascini, nato a Todi il 28 dicembre 1922, ha compiuto 101 anni. Durante la Seconda Guerra Mondiale, scelto per una missione segreta, si è ritrovato a Campo Imperatore, sul Gran Sasso, a guardia di Benito Mussolini. Ha festeggiato il compleanno con la famiglia.

L’ultimo carceriere di Mussolini compie 101 anni
L’ultimo carceriere di Mussolini compie 101 anni

Nato a Todi il 28 dicembre 1922 da una famiglia contadina, Ferdinando Tascini sul finire della seconda guerra mondiale, quando era arruolato nei carabinieri, venne scelto per una missione speciale e segreta ritrovandosi a sua insaputa a Campo Imperatore, sul Gran Sasso, a guardia di Benito Mussolini. Quello che è conosciuto come l’ultimo carceriere del duce ha compiuto ieri 101 anni, festeggiati con la famiglia nella sua casa sulle colline di Città di Castello, a San Donino, dove si è trasferito da tempo. A distanza di 80 anni Tascini ricorda con dovizia di particolari la prigionia e la liberazione di Mussolini. "Erano le 14.30 del 12 settembre 1943 – spiega Tascini – e non ero di turno, stavo nella mia camera. Sentii gridare che erano arrivati i tedeschi e mi affacciai dalla finestra. Vidi un aliante che era già atterrato. Mussolini si affacciò ma non vedeva chi c’era. Voleva sapere chi fossero se americani o tedeschi. La sensazione era che Mussolini aspettasse più gli americani dei tedeschi". Tascini ha festeggiato il compleanno con figli nipoti e bisnipoti.