La uccise perché incinta: ergastolo

CATANIA La Corte d’Assise di Catania ha condannato all’ergastolo il 63enne Rosario Palermo per l’omicidio e l’occultamento del cadavere di Agata...

La uccise perché incinta: ergastolo
La uccise perché incinta: ergastolo

CATANIA

La Corte d’Assise di Catania ha condannato all’ergastolo il 63enne Rosario Palermo per l’omicidio e l’occultamento del cadavere di Agata Scuto, la 22enne figlia della sua allora compagna, scomparsa il 4 giugno del 2012 da Acireale. Reato aggravato perché commesso ai danni di una persona portatrice di handicap – la giovane era infatti affetta da epilessia e da una menomazione a un braccio – e dai motivi abietti. Il delitto sarebbe stato compiuto per evitare che si scoprisse che la 22enne, con la quale avrebbe avuto una relazione segreta, era rimasta incinta. La Corte, presieduta da Sebastiano Mignemi, ha disposto anche l’isolamento diurno per un anno dell’imputato che dovrà risarcire le parti civili: la madre e il fratello della vittima, Maria Palermo e Gianluca Scuto, per cui è stata disposta una provvisionale di 100mila euro ciascuno, e l’associazione Penelope Italia.

Rita Sciotto, ex convivente dell’imputato, è stata invece giudicata "non punibile" per il reato di favoreggiamento personale nei confronti dell’imputato. Palermo, arrestato nel 2022, avrebbe strangolato Agata e dato fuoco al cadavere, in un casolare delle campagne nel Siracusano. Il corpo non è stato mai trovato.