Sabato 15 Giugno 2024

La tesi dell’Antimafia: "Morte di Pasolini legata al furto dei film"

Migration

L’omicidio di Pier Paolo Pasolini potrebbe essere legato al furto delle pellicole originali di alcune scene del suo film ‘Salò e le 120 giornate di Sodoma’, ancora in produzione. Lo scrittore-regista sarebbe andato all’Idroscalo di Ostia, dove è stato ucciso, proprio per riuscire a recuperarle. È l’ipotesi che emerge dalla relazione finale della Commissione parlamentare Antimafia della scorsa legislatura, resa nota oggi. In questa ipotesi, aggiunge la Commissione, sarebbero coinvolti nel delitto "gruppi malavitosi di rilievo" come la Banda della Magliana. Nella relazione depositata dalla Commissione viene anche precisato che "appaiono ormai del tutto improbabili soluzioni di carattere giudiziario, ma resta utile, in prospettiva storica, che le ricerche sul movente e sulle modalità dell’aggressione che causarono la morte di Pasolini, entrambe mai chiarite, siano eventualmente riprese alla luce dei pur embrionali rilievi emersi dalla attività della Commissione di inchiesta".