Mercoledì 24 Aprile 2024

Irene Cecchini, studentessa italiana pro Putin. "Qui nessuna dittatura, la Russia è un Paese libero"

Alla ribalta dopo lo scambio di battute con il presidente a un evento pubblico. I genitori sono stati sempre d’accordo sul trasferimento a Mosca. I suoi ex professori italiani: "Irene era un’allieva molto brillante e motivata"

Corno Giovine (Lodi), 22 febbraio 2024 – “Ho scelto il Mgimo per i suoi rigorosi standard accademici e l’alta reputazione nelle relazioni internazionali e nella diplomazia". Aveva le idee chiare fin dal liceo: farò l’ambasciatrice. "Palesava già la volontà di proseguire gli studi frequentando un ateneo in Russia", racconta la sua ex preside. Oggi Irene Cecchini è a Mosca, quartiere di Prospekt Vernadskogo, quarto anno della facoltà di Affari governativi e internazionali.

Approfondisci:

Biden insulta Putin: “Pazzo figlio di p...”. Il leader del Cremlino sarcastico: “E’ meglio di Trump, avevo ragione”

Biden insulta Putin: “Pazzo figlio di p...”. Il leader del Cremlino sarcastico: “E’ meglio di Trump, avevo ragione”

Davanti a Vladimir Putin, in un dialogo immortalato dalle telecamere di Stato al forum Idee forti per tempi nuovi – a suo agio con lo zar e la lingua straniera – ha confessato al capo del Cremlino d’essere "innamorata della Russia". Idee forti? "Quella che vedete in Italia non è la realtà: qui si sta benissimo. È un Paese libero che dà opportunità a tutti", ha spiegato in un’intervista alla Stampa . Tempi nuovi? "Il racconto della Russia illiberale, dittatoriale è una costruzione dell’Occidente che da anni attacca Mosca – ha poi precisato –. L’Occidente ha sempre considerato questo Paese come la pecora nera. La Russia non ha fatto altro che difendersi".

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Approfondisci:

Irene Cecchini, la studentessa del siparietto con Putin è di Corno Giovine: dalla borsa di studio al sogno diplomatico in Russia

Irene Cecchini, la studentessa del siparietto con Putin è di Corno Giovine: dalla borsa di studio al sogno diplomatico in Russia
Irene Cecchini, 22enne originaria del Lodigiano, studia all’Università Mgimo di Mosca
Irene Cecchini, 22enne originaria del Lodigiano, studia all’Università Mgimo di Mosca

Milanese d’origine, famiglia residente a Cascina Colombarone di Corno Giovine, 1.140 abitanti nel Basso Lodigiano, un paio di chilometri fuori paese. Figlia di un laureato in chimica, piccolo imprenditore nel ramo delle vernici; la mamma attiva nel settore agricolo, coltivazione di lavanda; due fratelli minori. Irene Cecchini, "allieva modello, borse di studio e determinazione", ha frequentato il ginnasio al liceo Novello di Codogno e il triennio nella sezione B del Melchiorre Gioia di Piacenza. Voto di maturità: 96/100. "Qui ha approfondito la conoscenza della politica e della letteratura russa, preparandosi a un futuro nel campo delle relazioni internazionali", ricorda la dirigente scolastica Cristina Capra.

Sostenuta e incoraggiata dai suoi insegnanti, dopo il diploma Irene Cecchini aveva chiesto una lettera di presentazione per l’iscrizione all’università statale russa. Obiettivo raggiunto. "Trasferirsi in un altro Paese è sempre difficile e stressante, soprattutto se si tratta di un Paese con lingua e cultura diversa – ha raccontato in un’intervista del 2023 al sito dell’ateneo, a Ucraina già invasa –. Conoscevo i russi dai media e ho scoperto che, contrariamente all’immagine che mi ero fatta, sono cordiali, accoglienti e desiderosi di condividere la loro cultura e tradizioni con gli stranieri. C’è un forte senso di comunità e la voglia di aiutarsi a vicenda". L’ha detto anche a Putin: "Propongo anche una parola nuova: impatrio. Che significa trasferirsi in un luogo di residenza permanente in Russia sulla base di valori culturali, tradizionali e familiari. Ciò sarebbe vantaggioso per la Russia, perché queste persone porterebbero nuove competenze, diventerebbero imprenditori...". E si sentirebbero di casa a Mosca, insomma. Così come Putin, in un impasto di presunta nostaglia e messaggi trasversali, ha ricordato d’essersi sempre trovato bene in Italia: "Mi sentivo a casa".

Irene Cecchini ha sempre avuto sogni più grandi di Corno Giovine. "Il paese offre poco", ammette il sindaco Gianpiero Tansini: "Per questo, solitamente, i ragazzi si spostano a Codogno o a Piacenza". Ma chi avrebbe scommesso su Mosca? "È stato un colpo di fulmine", dice la ragazza. "Irene ha sempre conseguito risultati brillanti. Speriamo riesca a coronare il sogno di diventare diplomatica", la coccola il suo (ex) sindaco. La studentessa ha imparato il russo da zero, una lezione al giorno, ogni giorno: "Può sembrare difficile all’inizio – ha spiegato – specialmente per il suo alfabeto distintivo, il cirillico, il sistema dei casi e le regole di pronuncia". Dopo l’incontro con Putin spera, "un giorno", di ottenere la cittadinanza russa. I genitori, dice, approvano il trasloco nella terra "che l’ha accolta". L’expat benedetta dallo zar.