Roma, 29 ottobre 2021 - Continuano a salire i contagi nel bollettino Covid di oggi del ministero della Salute e della Protezione Civile. I nuovi casi di Coronavirus in Italia superano quota 5mila, come non succedeva da tempo. Diminuiscono i morti, mentre aumenta la pressione ospedaliera sia nei reparti ordinari sia, anche se leggermente, nelle terapie intensive. La curva epidemica prosegue quindi la crescita, come certificato già dal monitoraggio della Fondazione Gimbe di ieri, e i dati del report settimanale dell'Istituto superiore di sanità lo confermano: salgono rispetto alla settimana scorsa sia l'indice Rt, ora 0.96, sia l'incidenza ogni 100mila abitanti (46). Non bene anche sul fronte ospedaliero: aumentano i ricoveri ordinari, mentre restano stabili le rianimazioni.

Bollettino 30 ottobre 

Zona gialla, torna l'incubo. Il Covid rialza la testa: le regioni a rischio

Covid, il bollettino del 29 ottobre: i contagi nelle regioni

Sommario

Intanto per il quarto giorno consecutivo in Russia, dove domani inizierà un lockdown parziale per arginare la pandemia, è stato registrato un nuovo record di vittime giornaliere: nelle ultime 24 ore i morti sono stati 1.163 e i nuovi casi 39.849. Il bilancio totale delle vittime sale così a 236.220, il più alto in Europa. Anche in altri Paesi i contagi sono in risalita, ma l'Oms Europa chiede che le scuole restino aperte con adeguate misure di prevenzione: interrompere le lezioni in presenza deve essere vista come l'ultima spiaggia. "La scienza deve avere la meglio sulla politica, e gli interessi a lungo termine dei bambini devono rimanere una priorità - ha ammonito il direttore regionale Hans Kluge - soprattutto ora che un certo numero di Paesi sta assistendo a un picco di contagi. Abbiamo strumenti più efficienti per affrontare questo picco rispetto alla chiusura delle scuole"

Niente effetto scuola, ma oltre 1,2 milioni di studenti non vaccinati

Il bollettino Covid del 29 ottobre

Ancora in crescita la curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 5.335, contro i 4.866 di ieri, numero più alto di contagi dal 10 settembre. Per di più con 474.778 tamponi, quasi centomila meno di ieri, tanto che il tasso di positività sale a 1,1% (contro lo 0,9%). I decessi sono 33 (ieri 50), per un totale di 132.037 vittime dall'inizio dell'epidemia. In aumento la pressione ospedaliera: le terapie intensive sono 2 in più (ieri +6) con 18 ingressi del giorno e salgono a 349, mentre i ricoveri ordinari sono 49 in più (ieri -6), 2.658 in tutto. La regione con più casi odierni è la Campania (+654), seguita da Lazio (+583), Veneto (+523) e Lombardia (+510). I casi totali sono 4.762.563. I guariti sono 3.433 (ieri 3.400) per un totale di 4.551.882. Ancora in rialzo il numero degli attualmente positivi, 1.866 in più di ieri, che sono 78.644. Di questi, sono in isolamento domiciliare 75.637 pazienti.

I nuovi casi per settimana

Regioni / Campania

Con 654 positivi su 27.528 tamponi effettuati il tasso di contagio in Campania resta al 2,37%, stabile rispetto al 2,23 di ieri. Cinque i morti. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 20, come ieri, mentre aumentano i ricoveri nei reparti di degenza ordinaria, che passano dai 214 di ieri ai 229 di oggi.

Lazio

Nel Lazio "su 13.652 tamponi molecolari e 19.753 tamponi antigenici per un totale di 33.405 tamponi, si registrano 583 nuovi casi positivi (-11), 6 i decessi (+1), 370 i ricoverati (+13), 48 le terapie intensive (+1) e 423 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 1,7%. I casi a Roma città sono a quota 298". Lo ha reso noto l''assessore alla Sanità Alessio D'Amato.

Veneto

Sono 523 i nuovi casi di Covid registrati ieri in Veneto. Vi sono anche due decessi, con il totale delle vittime che sale a 10.215. Il bollettino segnala un incremento degli attuali positivi, che oltrepassano quota diecimila (10.215), 270 in più rispetto alle 24 ore precedenti. Resta stabile la situazione clinica, con 207 ricoveri in area non critica (+4) e 36 (-1) in terapia intensiva.

Lombardia

Con 97.538 tamponi effettuati è di 510 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività allo 0,5%. In lieve aumento il numero di ricoverati in terapia intensiva (+1, 46) e in lieve calo nei reparti (-3, 297). Sono 4 i decessi che portano il totale a 34.152 morti da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 159 i positivi segnalati a Milano (di cui 76 a Milano città), 37 a Bergamo, 59 a Brescia, 17 a Como, 24 a Cremona, 2 a Lecco, 7 a Lodi, 22 a Mantova, 63 a Monza, 30 a Pavia, 8 a Sondrio e 52 a Varese.

Sicilia

In Sicilia nelle ultime 24 ore sono stati registrati 471 positivi (su 12.651 tamponi) e 3 decessi. Ii casi totali salgono così a 307.646 e le vittime a 7.012 da inizio pandemia. Il maggior numero di nuovi casi nella provincia di Catania (+170). Gli attuali positivi sono 7.142 (+98) e i nuovi guariti 370. Sono 285 i ricoverati con sintomi, 36 in terapia intensiva.

Emilia-Romagna

Ricoveri stabili ma crescono i nuovi casi giornalieri in Emilia-Romagna, dove oggi i contagi scoperti da 27.561 tamponi, superano di nuovo quota 400 (428). L'età media dei nuovi positivi è 47,5 anni, 117 sono stati rilevati a Bologna, seguita da Ravenna e Forlì (entrambe con 48 casi). I guariti sono 670 in più, i casi attivi 246 in meno per un totale di 7.683, il 96% dei quali in isolamento a casa. Quattro i morti: uno nella provincia di Parma, uno in provincia di Bologna, uno nella provincia di Ferrara e uno nella provincia di Forlì-Cesena. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 32 (+1 rispetto a ieri), 282 quelli negli altri reparti Covid (-1).

Toscana

In Toscana sono 376 i nuovi contagi, 365 confermati con tampone molecolare e 11 da test rapido antigenico, individuati nelle ultime 24 ore. Purtroppo si registrano altri 3 decessi, tre donne con un'età media di 90 anni, che portano a 7.275 il totale delle vittime da inizio emergenza. In aumento i ricoveri: sono 258, 7 in più rispetto a ieri, di cui 27 in terapia intensiva, 1 in più. Gli attualmente positivi sono 5.490, +4% rispetto a ieri, di cui 5.232 persone sono in isolamento a casa.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 6.036 tamponi molecolari sono stati rilevati 248 nuovi contagi con una percentuale di positività del 4,11%. Sono inoltre 16.239 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 19 casi (0,12%). Nella giornata odierna si registra un decesso. Sono 13 le persone ricoverate in terapia intensiva mentre ammontano a 61 i pazienti ospedalizzati in altri reparti.

Piemonte

La Regione Piemonte ha comunicato 264 nuovi casi di Covid, pari allo 0,5% di 53.781 tamponi eseguiti, di cui 48.295 antigenici. Dei 264 nuovi casi, gli asintomatici sono 160 (60,6%). Nelle ultime 24 ore non si registrano decessi: il totale delle vittime rimane fermo a 11.811 da inizio pandemia. I ricoverati in terapia intensiva sono 19 (+ 1 rispetto a ieri), mentre i pazienti negli altri reparti sono 177 (- 4 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 3.860.

Puglia

Oggi in Puglia su 19.608 tamponi sono stati scoperti 233 casi positivi: 43 in provincia di Bari, 6 nella provincia di Barletta, Andria, Trani e 11 in quella di Brindisi, 62 in provincia di Foggia, 36 in provincia di Lecce, 74 in provincia di Taranto. Nelle ultime 24 ore invece non si registrano decessi. Attualmente sono 2.843 le persone positive; 132 sono ricoverate in area non critica, 17 in terapia intensiva e le altre sono in isolamento domiciliare.

Calabria

Sono in aumento i contagi in Calabria dove si è registrata anche una vittima, con il totale che sale a 1.447 morti da inizio pandemia. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 197 nuovi casi rispetto ai 174 di ieri, con un numero di tamponi fatti sostanzialmente uguale. Il tasso di positività sale al 5,2%. In crescita, nel saldo tra ingressi e uscite, anche i ricoverati in area medica (+4, 95), mentre scendono di uno quelli in terapia intensiva (4). I casi attivi sono 2.997 (+66), gli isolati a domicilio 2.898 (+63) e i nuovi guariti 130.

Liguria

Sono 186 i nuovi casi rilevati in Liguria dall'analisi di 3.764 tamponi molecolari e 10.350 test rapidi per un tasso di positività dell'1,31%. Gli ospedalizzati sono 67, uno in meno di ieri: 57 pazienti sono ricoverati nei reparti non critici e 10 in terapia intensiva. Nelle ultime 24 ore si registra anche una vittima: il numero complessivo dei decessi sale così a 4426. I guariti invece sono 93.

Abruzzo

Sono 167 i nuovi casi di Covid accertati nelle ultime 24 ore in Abruzzo. È il dato più alto degli ultimi cinque mesi precisamente dallo scorso 7 maggio. I contagi sono emersi dall'analisi di 2.981 tamponi molecolari: è risultato positivo il 5,6% dei campioni. In rapido aumento i ricoveri, che passano dai 63 di ieri ai 74 di oggi. Non si registrano decessi: il bilancio delle vittime è fermo a 2.559. Gli attualmente positivi sono 1.779 (+122): 64 pazienti (+10) sono ricoverati in ospedale in area medica e 10 (+1) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 1.705 (+111) sono in isolamento domiciliare.

Marche

Nelle Marche sono stati individuati 122 nuovi casi, il 5,7% rispetto ai 1.443 tamponi processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi (ieri il rapporto era stato del 7,8%, con 91 casi su 1.172 tamponi). Sono 65 i pazienti assistiti negli ospedali, 4 in più di ieri: nelle terapie intensive ci sono 18 pazienti (+1), nelle semi-intensive 15 e nei reparti non intensivi 32 (+3). Nelle ultime 24 ore è stata registrata una vittima: il bilancio dall'inizio della crisi pandemica è ora di 3.104 morti, 1.739 uomini e 1.367 donne.

Le altre regioni

Nessun decesso e 32 contagi in Basilicata, 73 positivi in Umbria, otto in Molise. Una vittima invece in Alto Adige, dove si registrano ben 193 nuovi casi, 21 positivi in Trentino, 4 in Valle D'Aosta. In Sardegna 23 nuovi contagi e zero morti.

Usa, vaccino ai bambini da 5 a 11 anni: il via libera della Fda

Terapie intensive: la mappa interattiva