Giovedì 30 Maggio 2024

Chiara Ferragni raffigurata come Joker su L’Espresso, l’influencer annuncia azioni legali. Fedez la difende

Social divisi sulla copertina del settimanale in edicola domani. I legali: “Denigrata e svilita nel giorno in cui la donna dovrebbe essere celebrata". Il marito contrattacca con una storia su Instagram

Chiara Ferragni come appare sulla copertina de L'Espresso

Chiara Ferragni come appare sulla copertina de L'Espresso

Chiara Ferragni ha dato mandato ai propri legali di valutare ogni tipo di azione legale, incluso quella per il risarcimento per danni patrimoniali e non patrimoniali, nei confronti della società editrice del settimanale L'Espresso. Lo fa sapere la stessa influencer in una nota. "Contestualmente i legali hanno diffidato l'editore de L'Espresso dalla pubblicazione - prevista per domani 8 marzo - del numero che ritrae la propria assistita in copertina con le sembianze di Joker, riservandosi ogni ulteriore azione anche all'esito delle verifiche sul contenuto dell'articolo".

Il legali: “Denigrata nel giorno in cui la donna va celebrata”

"I legali della Ferragni contestano la portata gravemente diffamatoria e lesiva dell'uso fatto in copertina dell'immagine della propria assistita palesemente denigrata e svilita proprio nel giorno in cui la donna dovrebbe essere celebrata", conclude la nota. Nel numero, che dovrebbe uscire domani, l'influencer appare in primo piano col trucco rosso e blu che cola, e che ricorda il celebre nemico di Batman. Sul magazine campeggia invece il titolo “Ferragni Spa: Il lato oscuro di Chiara”.

Approfondisci:

Chiara Ferragni a “Che tempo che fa”: sincera o stratega? L’analisi della docente

Chiara Ferragni a “Che tempo che fa”: sincera o stratega? L’analisi della docente

Fedez difende la moglie

Con una storia su Instagram Fedez difende Chiara Ferragni per la copertina de L'Espresso che la vede ritratta come Joker. "A quando una bella inchiesta sul vostro proprietario petroliere? Aspetto con ansia". Poi ancora una scritta in sovrimpressione: “E ci han chiuso qua da giorni, domani c'è il processo ma abbiamo un alibi di ferro. Il mondo è pieno di stronzi", canzone che fa da colonna sonora al post.

Social divisi tra favorevoli e contrari

Non è mancata la polemica sull'immagine ritoccata, considerata da vari utenti dei social ''violenta'' ed ''eccessiva'' rispetto alle azioni della Ferragni, sanzionata dall'Antitrust e indagata per truffa aggravata nel caso legato alle campagne di vendita benefica di pandori, uova di Pasqua e bambole. Ma non è certo la prima volta di una copertina d'impatto per il settimanale fondato da Scalfari.

I follower: “Immagine di inaudita violenza”

L’Espresso uscirà in edicola domani, ma l'immagine di Ferragni come “Joker” è ormai virale sui social, dove gli utenti si dividono e le opinioni sono molto discordanti. C'è infatti chi considera eccessiva e di cattivo gusto la scelta del settimanale. "Una copertina che non c'entra niente con il giornalismo ma che è pregna di una violenza inaudita", scrive qualcuno. "Menateje pure già che ce semo", scrive in romanesco un altro. E un'altra aggiunge: "Da donna, mi sento sfregiata". Ma sono molti anche i commenti di internauti che mostrano di condividere – o di non condannare –  la scelta dell'Espresso.

Selvaggia Lucarelli: “Si concentrano sulle foto non sul testo”

"Copertina azzeccata che rende decisamente l'idea di chi sia realmente Chiara Ferragni", scrive qualcuno. "Qui stanno trattando Chiara Ferragni semplicemente come un'adulta di potere. Lo so che il suo aspetto delicato confonde molto. Ma è un'adulta di potere. Nel bene e nel male", aggiunge un'altra. C'è chi punta sul fatto che non sia un "trattamento” esclusivo riservato all'influencer: "Che poi L'Espresso di copertine così ne ha fatte, ma guai a toccare Chiaretta eh", si ironizza. A commentare la cover anche Selvaggia Lucarelli: "Gente che non ha mai letto un giornale pensa che non sia mai esistita una copertina simile. E si concentra sulla foto, mica su quello che c'è scritto sotto la foto", scrive nelle sue stories di Instagram.