Giovedì 25 Luglio 2024

Bbc, vietato criticare Sunak Lineker difende i migranti La tv sospende l’ex bomber: rivolta di colleghi e club

Punizione per un tweet polemico, scatta l’accusa di censura: è bufera. Gli altri collaboratori disertano la trasmissione condotta dalla leggenda inglese

Migration

di Riccardo Jannello

LONDRA

Il calcio inglese si ribella al primo cartellino in carriera per Gary Lineker, uno dei migliori giocatori di sempre del Paese: la Bbc l’ha sospeso per un tweet critico sul governo conservatore dalla conduzione di Match of the Day, iconico programma sulla Premier League, suscitando reazioni dure: gli ex colleghi del bomber si sono rifiutati di partecipare alla trasmissione orfana di Gary. Risultato: Match of the Day ieri è andato in onda senza conduttore, solo con le immagini delle partite e nessun commento. E senza interviste perché anche le società hanno boicottato la Bbc. Ma c’è di più: in grande difficoltà anche gli altri programmi sportivi, televisivi e radiofonici, e palinsesti stravolti: uno è stato sostituito dalla replica di un documentario sull’antiquariato.

Lineker, 62 anni – 329 gol in 649 partite disputate fra squadre di club (Leicester, Everton, Barcellona, Tottenham e Nagoya Grampus) e Nazionale –, non ha mai ricevuto né un’ammonizione né un’espulsione tanto che a fine carriera la Fifa l’ha premiato con il Fair Play Award. La sospensione è invece avvenuta a causa di un tweet in cui l’ex calciatore – nove milioni di seguaci sui social – ha parlato in modo molto critico sulla posizione del governo di Rishi Sunak in merito agli immigrati e soprattutto su come si sono espressi alcuni ministri che hanno fatto pensare, parola di Gary, "a un linguaggio tipico della Germania anni ‘30".

L’accusa mascherata di nazismo non è andata giù alla maggioranza che ha fatto pressione sulla Bbc. Ma forse non si attendeva la levata di scudi popolare. I primi a solidarizzare con Lineker sono stati due personaggi come Ian Wright e Dan Walker; la voce grossa l’ha fatta anche Dale Vince, imprenditore, filantropo, patron di una squadra di quarta serie e sostenitore del "calcio green": "Non parlerò più con la Bbc fino al ritorno di Gary". La quale ha replicato che la sospensione varrà "fino a quando non avremo una posizione concordata e chiara sul suo utilizzo dei social media". E Gary? Non ha parlato ma ha ringraziato su Twitter i suoi sostenitori anche in modo ironico: "Non ho mai conosciuto un tale amore e sostegno nella mia vita, a parte quando segnavo in Coppa del Mondo. Continuerò a provare a parlare per quelle povere anime che non hanno voce".