Giovedì 20 Giugno 2024

Autovelox e multe annullate, cosa chiedono ora sindaci e Province

In Commissione Ambiente al Senato si è discusso anche di Tutor. Il nodo taratura e omologazione. Il ministro Salvini insiste: “Non saranno più possibili strumenti per fare cassa”

Roma, 14 maggio 2024 - Caos multe da autovelox (ma anche da Tutor) al centro della discussione nell’esame del disegno di legge sul nuovo codice della strada 2024, approdato oggi in Commissione Ambiente al Senato.

Approfondisci:

Decreto autovelox 2024, in quali strade saranno vietati gli occhi elettronici?

Decreto autovelox 2024, in quali strade saranno vietati gli occhi elettronici?

Da almeno 9 anni Corte Costituzionale prima (nel 2015) e Cassazione poi (ultima sentenza ad aprile) hanno stabilito che gli strumenti debbano essere non solo approvati ma anche tarati (verifica metrologica legale) e omologati. Pena la nullità dei verbali.

Autovelox, le sentenze chiave dal 2015
Autovelox, le sentenze chiave dal 2015

“Urgente un intervento”, hanno chiesto i Comuni con Anci. Stesso concetto ribadito dall’Asaps. Che partendo dai numeri delle vittime - dall’inizio dell’anno al 12 maggio in Italia sono morti 153 pedoni, 60 ciclisti, 6 bambini, 25 vittime di pirateria, 394 persone nei soli incidenti dei fine settimana, di cui 187 motociclisti, ha ricordato il presidente dell’associazione, Giordano Biserni - torna a chiedere un piano straordinario di assunzioni per avere più divise sulle strade. “Perché una riforma del codice senza i controlli non porterà miglioramenti”.

Approfondisci:

Patente, quando scatta la doppia sospensione nel nuovo codice della strada 2024: domande e risposte

Patente, quando scatta la doppia sospensione nel nuovo codice della strada 2024: domande e risposte

E ha chiesto per le istituzioni competenti nella gestione della viabilità “un quadro normativo di riferimento aggiornato e più chiaro” anche l’Upi, l’Unione delle Province italiane. Andrea Massari (Parma), ha ricordato che gli enti gestiscono oltre 100mila chilometri di viabilità su cui insistono più di 30mila ponti e viadotti, e ha ricordato come i dati di incidentalità stradale forniti dall’Istat “evidenziano una vera e propria emergenza nazionale”.

“Proprio per questo però chiediamo la massima attenzione alle misure relative ai dispositivi automatici di controllo e ai tutor che - ha sottolineato Massari - in una condizione di carenza grave del personale di polizia locale sono l’unico strumento efficace per garantire più sicurezza sulle strade e ridurre il livello di incidentalità. Occorre chiarezza per consentirne il pieno utilizzo agli enti locali o si sferrerà un colpo gravissimo alla sicurezza stradale”.

Resta sullo sfondo il mantra del ministro Matteo Salvini. Che anche due giorni fa ha ripetuto: “Gli autovelox per fare cassa non saranno più possibili”.