Lundini: le mie "Faccende complicate", tra trapper e caffè sospeso