Sabato 15 Giugno 2024

Brasile, ucciso boss della criminalità organizzata a Rio

Colpito dalla polizia in una sparatoria durante il suo arresto

Brasile, ucciso boss della criminalità organizzata a Rio

Brasile, ucciso boss della criminalità organizzata a Rio

Un uomo sospettato di essere uno dei massimi boss della criminalità organizzata di Rio de Janeiro è stato ucciso dalla polizia in una sparatoria durante il suo arresto. Lo hanno riferito le autorità locali. "Rui Paulo Gonçalves Estevão, detto Pipito, era il presunto leader - ha spiegato la polizia in un comunicato stampa - di una 'milizia', ;;un gruppo criminale che semina il terrore nei quartieri popolari, praticando ogni tipo di estorsione. Quando è stato avvicinato, ha aggredito gli agenti e ne è seguita una sparatoria. Il criminale è stato colpito, è stato portato in ospedale, ma è morto a causa delle ferite riportate". Secondo il governatore di Rio, Claudio Castro, il boss aveva "dato l'ordine di bruciare 35 autobus" lo scorso ottobre nella parte occidentale di Rio, dopo la morte di un altro leader della criminalità organizzata. Le milizie si sono formate a Rio circa quarant'anni fa. Inizialmente composte da ex membri della polizia, inizialmente erano gruppi di autodifesa contro i trafficanti di droga ma in realtà agiscono come mafie, attraverso le estorsioni, controllando servizi come la distribuzione del gas, l'accesso a Internet, i trasporti locali e la televisione via cavo. Secondo la polizia federale, Marielle Franco, consigliera comunale assassinata nel 2018, è stata uccisa proprio perché si opponeva agli interessi delle milizie. (ANSA-AFP).