Sabato 20 Luglio 2024

Djokovic e gli Usa vietati perché non vaccinato al Covid: "Mio corpo è più importante"

Il tennista serbo ha saltato Indian Wells e ora Miami: non è più numero 1 al mondo: "Nessun rimpianto. Spero di giocare gli Us Open ad agosto"

Novak Djokovic

Novak Djokovic

Belgrado, 22 marzo 2023 - "Nessun rimpianto". Novak Djokovic non fa passi indietro rispetto alle sue scelte no vax, anche se il no delle autorità Usa all'ingresso a Indian Wells e la mancata partecipazione al torneo californiano (salterà anche il Masters 1000 di Miami) gli è costato la perdita del numero 1 della classifica mondiale del tennis.

"Ho imparato nel corso della vita che i rimpianti ti trattengono e ti fanno vivere nel passato - ha detto alla Cnn il tennista serbo - ed è esattamente ciò che non voglio fare. Certo, nemmeno voglio vivere troppo nel futuro... Semplicemente, voglio vivere il più possibile nel presente, ovviamente pensando a come creare un futuro migliore". Quanto al nuovo numero 1, "mi congratulo quindi con Alcaraz. Merita assolutamente di tornare al primo posto».

Tornando alla scelta di non vaccinarsi contro il Covid, "le decisioni sul mio corpo sono più importanti di qualsiasi titolo", ha aggiunto Djokovic. Ora il serbo spera che la situazione cambi per gli Us Open, al via dal 28 agosto. "La situazione attuale è tale che spero possa cambiare nel corso dell'anno, in occasione degli Us Open: è il torneo più importante per me sul suolo americano. Non so - la conclusione - se mi sarà permesso di partecipare. Il fatto che io possa o meno giocare dipende ovviamente dalle decisioni delle massime autorità governative. Aspetto di capire".