Sabato 22 Giugno 2024

Subito Sprint Race, paura per Pol Espargaro

Portimao, alle 16 la mini gara che muoverà già la classifica 2023. Lo spagnolo della GasGas cade ad alta velocità, escluse grave lesioni

Migration

Qualifiche e poi Sprint Race. Sì, tutto d’un fiato. Mattino e pomeriggio del sabato della MotoGp, da oggi avranno un sapore diverso e più intenso rispetto al passato. Sarà tutto, assolutamente e subito, molto più ‘serio’ per Bagnaia e rivali.

Prima, alle 11.45, ci sarà da mettere la firma sul tempo giusto (e ufficiale) che deciderà la griglia di partenza. Poi, nel pomeriggio, ecco il primo appuntamento con i punti e la classifica mondiale. La Sprint Race, insomma, non sarà solo un mini Gp per divertirsi un po’, ma un vero e proprio prologo alla gara, quella lunga e vera che si correrà domani.

Ma il fine settimana di Portimao si è aperto con il bruttissimo incidente a Pol Espargaro. Botta tremenda e polemica innescata (con tanto di dichiarazioni di Bagnaia) sulla ghiaia che nel punto dove si è schiantato lo spagnolo.

"Il pilota ha subito una forte contusione polmonare e un politrauma alla colonna vertebrale", ha precisato il responsabile medico della MotoGp. Espargaro Jr, 31 anni, è sempre stato cosciente ed è stato portato in ospedale a Faro. Risulta che muova senza problemi gli arti.

Il venerdì delle libere per il resto, ha regalato subito un paio di sorprese niente male. E a parte il passo comunque ok di Bagnaia, nel pomeriggio, al mattino il più bravo era stato il Marquez giovane, Alex, con grande soddisfazione per il team Gresini, con una Ducati pronta a recitare un ruolo da protagonista in tutto il week end. Riflettori puntati, insomma, su Marquez junior così come Ktm punta davvero a regalarsi un Gp da sballo con Miller (imprendibile nel pomeriggio).

A proposito di Ktm, grande paura, come detto, appunto per Pol Espargaro caduto malissimo alla curva 10, percorsa ad alta velocità, e colpito dalla sua stessa moto finita infine contro le barriere a bordo pista. La prima diagnosi ha escluso lesioni neurologiche, ma le complìcazioni saranno tutte da valutare dopo ulteriori controlli.

Tornando ai risultati delle libere (oggi le qualifiche), capitolo prezioso per Aprilia.

Il lavoro portato a termine da Vinales evidenzia il potenziale della moto italiana che ha le carte in regola per puntare alla vittoria sia nella Sprint, sia nella gara di domani. La combinata dei tempi di ieri, escluso il super lampo di Miller, lascia intravedere un duello tutto italiano, Aprilia-Ducati. "Siamo soddisfatti – dice lo spagnolo – stiamo facendo passi in avanti nella direzione giusta e dal week end ci aspettiamo buone cose. Le sensazioni positive ci sono tutte". Riccardo Galli