np_user_4025247_000000
ILARIA CHECCHI
Sport

Leao vola, Milan con vista sulla Champions

Il Lecce si inchina alla doppietta del portoghese, l’unica nota negativa per Pioli è l’infortunio a Ibrahimovic nell’intervallo

Leao vola, Milan con vista sulla Champions
Leao vola, Milan con vista sulla Champions

di Ilaria Checchi

Il Milan replica alla vittoria dell’Inter battendo il Lecce in un San Siro andato sold out (più di 72mila spettatori), ma è in apprensione per Ibra: il pensiero all’euroderby è stato, come chiesto da Pioli (al suo successo numero 100 con il Diavolo), messo da parte per concentrarsi sulla lotta in campionato, dove assicurarsi il pass per la Champions è di vitale importanza. A trascinare i rossoneri al cospetto di un avversario bravo, nel primo tempo, a chiudersi e a fare intensità in mezzo al campo, ci ha pensato un dilagante Leao, autore della doppietta che ha sancito il 2-0 finale, quasi a voler rispondere al bis servito da Lukaku come degno antipasto: "Era da tanto che non vincevamo in campionato, sono contento. Stiamo facendo una stagione incredibile in Champions e il prossimo anno dobbiamo tornare e combattere con le migliori d’Europa" l’analisi del portoghese.

Per affrontare i salentini Pioli ha dovuto far fronte a due assenze pesanti come quelle di capitan Calabria, squalificato, e di Giroud (fermato da un fastidio al polpaccio) e per ovviare all’assenza del francese ha puntato su Ante Rebic, ma il croato ha nuovamente deluso le attese. Baroni ha invece optato per Banda, preferito a Strefezza, e proprio il 22 giallorosso è stato il più pericoloso tra gli ospiti, graziando il Milan al 19’ quando, su cross di Gendrey, ha colpito di testa il palo da sei metri. I rossoneri si sono visti annullare, dopo un check al Var, il penalty inizialmente concesso da Chiffi (direzione sotto livello) per presunto fallo di Baschirotto su Theo.

"Non c’è stata la lucidità della gestione nell’ultimo quarto di campo, abbiamo sbagliato troppe scelte. Poi la partita l’abbiamo comandata non rischiando nulla" le parole di Pioli. A pochi minuti dall’intervallo il Milan è riuscito a passare in vantaggio grazie al colpo di testa di Leao, bravo a capitalizzare il cross di Tonali: nella ripresa i padroni di casa sono andati alla caccia del colpo del ko ma i tentativi di Theo, Brahim e Leao non hanno trovato fortuna. Bennacer, Saelemaekers e Kjaer sono state le scelte di Pioli per dare quantità, velocità ed esperienza mentre l’unica parata di Maignan è arrivata al 70’ sul destro di Strefezza. Tre minuti dopo il lusitano ha sfiorato l’eurogol con uno scavetto, facendosi perdonare poco dopo infilando Falcone con un diagonale sinistro dopo un’azione personale dilagante. A risultato acquisito San Siro si è proiettato al derby dedicando cori ai cugini ma la mente è proiettata alla Roma: "Sabato abbiamo una sfida importante con un avversario che sta molto bene" la chiosa pioliana.

L’unico neo di giornata riguarda le condizioni di Ibrahimovic: lo svedese si è fermato durante il riscaldamento per un problema al polpaccio da valutare.