di Mattia Todisco Le cessioni eccellenti dell’Inter possono fermarsi a due. Lautaro Martinez non sembra destinato a seguire la sorte di Achraf Hakimi, ceduto al Paris Saint-Germain e Romelu Lukaku, ieri in conferenza stampa con il Chelsea dopo un trasferimento da 115 milioni di euro. Anche grazie alla somma incassata dai Blues e agli 8,5 netti che il club non dovrà più dare al belga, Marotta e Ausilio hanno un gruzzolo...

di Mattia Todisco

Le cessioni eccellenti dell’Inter possono fermarsi a due. Lautaro Martinez non sembra destinato a seguire la sorte di Achraf Hakimi, ceduto al Paris Saint-Germain e Romelu Lukaku, ieri in conferenza stampa con il Chelsea dopo un trasferimento da 115 milioni di euro. Anche grazie alla somma incassata dai Blues e agli 8,5 netti che il club non dovrà più dare al belga, Marotta e Ausilio hanno un gruzzolo importante di cui poter disporre. Verrà utilizzato non solo per trovare una punta che prenda il posto di “Big Rom“ (è già arrivato Dzeko a zero e sulle fasce è stato aggiunto Dumfries) ma anche per prolungare il contratto di Martinez. Il centravanti titolare dell’Argentina, punto fermo della formazione scudettata, percepisce 3 milioni l’anno a fronte (per esempio) dei 6,5 di Vidal o dei 7 di Sanchez. Compagni di squadra dallo splendido curriculum e con la fortuna di poter usufruire fiscalmente del Decreto Crescita, ma il cui impatto nella passata stagione non è stato allo stesso livello del “Toro“. Lautaro potrebbe arrivare fino a 6, via di mezzo tra i 7 richiesti e i 4,5 che erano stati pattuiti alcuni mesi fa con i vecchi agenti. Una volta chiuso questo discorso, verranno aperti quelli per Barella e soprattutto per Brozovic, il cui accordo scade a giugno prossimo. Nel frattempo si continua a lavorare sull’attaccante che manca: per Zapata l’Atalanta spara alto, lo stesso fa la Lazio per Correa. Circolano i nomi di Weghorst e Thuram, settimana prossima si prenderà una decisione.

Il Milan sta invece lavorando per chiudere la trattativa con la Roma riguardante Alessandro Florenzi, reduce dall’Europeo conquistato in azzurro e fuori dal progetto giallorosso di Mourinho. Siamo ai dettagli, il calciatore (lo scorso anno al Paris Saint-Germain) arriverà in prestito per 1 milione con diritto di riscatto a 4. A centrocampo Maldini e Massara valutano la situazione per Yacine Adli, ventunenne del Bordeaux e per un possibile cavallo di ritorno come Bakayoko, lo scorso anno in prestito al Napoli e oggi tornato al Chelsea, proprietario del cartellino. In passato ha giocato per una stagione in rossonero nel 2018-19.