Giovedì 23 Maggio 2024

Ferrero e il Monza, inizia il nuovo corso Juve

Migration

Con il nuovo Cda insediatosi nella giornata di ieri e con la partita di Coppa Italia di stasera contro il Monza inizia ufficialmente il dopo-Agnelli alla Juve: con l’obiettivo di chiudere il capitolo plusvalenze e di mantenere la squadra competitiva rimettendo in ordine i conti. "Nei prossimi mesi ci aspettano sfide per le quali riteniamo di avere l‘esperienza, la competenza e la determinazione per difendere la Juventus in tutte le sedi competenti, pesale, sportiva e civile": è stata la prima frase di Gianluca Ferrero, appena nominato presidente. "Lo faremo con determinazione, rigore, ma anche pacatezza. Abbiamo sempre rispettato e sempre rispetteremo tutti coloro che saranno chiamati a giudicarci, ma quello che vogliamo è uguale rispetto per noi, per la società e per la squadra per poter discutere con serietà e rigore nelle sedi competenti".

"Gli obiettivi e le ambizioni sportive non cambiano, così come non cambiano quelli aziendali. Anche questo è parte della storia della Juventus che è sempre riuscita a coniugare successi sul campo, equilibrio finanziario e grande progettualità commerciale. È quello che ci proponiamo di fare anche per il futuro" ha aggiunto Maurizio Scanavino, neo ad della Juventus, di cui era già direttore generale.

E stasera contro il Monza in Coppa Italia c’è il primo banco di prova per una squadra in difficoltà dopo il pesante 5-1 di Napoli. Le formazioni.

Juventus (3-5-1-1): Perin; Gatti, Rugani, Alex Sandro; McKennie, Fagioli, Paredes, Miretti, Iling; Soulé; Kean. All. Allegri

Monza (3-4-2-1): Cragno; Caldirola, Marlon, Carboni; Ferrarini, Ranocchia, Barberis, Valoti; D’Alessandro, Carlos Augusto; Gytkjaer. All. Palladino