Sabato 15 Giugno 2024
GIANMARIO BONZI
Sport

Doppietta Doro, assolo senza errori Balza al secondo posto in Coppa

Wierer a Östersund vince anche la mass start dopo l’individuale. Davanti resta solo la francese Simon

Migration

di Gianmario Bonzi

Il vento di primavera (in arrivo) ispira Dorothea Wierer, mai così performante nel mese di marzo, anche se in Scandinavia di questi giorni il freddo è decisamente invernale. L’azzurra, già vincitrice venerdì nell’individuale, sbanca anche l’altra gara singola prevista nell’ottava tappa di Coppa del Mondo femminile di biathlon 2022-2023 (sempre sui quattro poligoni) e con un percorso immacolato vince la mass start (partenza in linea) di Östersund.

La fuoriclasse di Rasun, per la prima volta nel corso della lunga carriera, ha completato una prova in questo format senza commettere errori, balzando oltretutto in seconda posizione nella classifica generale alle spalle della francese Julia Simon, ieri terza (sempre molto costante), staccata di 144 punti. La differenza l’ha fatta sì al poligono, ma ancora una volta "Doro" è stata in grado di fornire un’ottima prestazione sugli sci. Nell’occasione, oltretutto la 32enne di stanza in Trentino, oltre ad avere conquistato il 16esimo successo individuale, ha tagliato il traguardo dei 50 podi tra Coppa del Mondo, Giochi Olimpici e Mondiali, che diventano ben 78 tenendo in considerazione anche gli eventi a squadre. Wierer ha confermato l’innato feeling con Östersund, dove nel 2019 conquistò il primo titolo iridato della carriera proprio nel format di gara disputato ieri. I successi individuali ottenuti nella località svedese ammontano ora a 5, mentre i podi sono 9, esattamente gli stessi numeri collezionati ad Anterselva. E prima della tappa svedese, nella lunga carriera "lastricata di successi", mai la trentaduenne altoatesina era riuscita a vincere per due volte nella stessa stagione nel mese di marzo.

"Sono molto contenta – spiega lei – non avevo buone sensazioni nel riscaldamento, ma l’obiettivo principale era sparare bene al poligono, dove si decidono spesso le gare, e così ho fatto. In questo periodo sono molto concentrata su me stessa. Sono uscita dall’ultimo poligono in testa, dovevo evitare di arrivare a una volata con le due francesi, così ho cercato di mettere in pista tutto le energie che avevo in corpo. Continuo a non guardare la classifica di Coppa del Mondo, i punti di vantaggio di Simon nei confronti miei e di Lisa Vittozzi sono parecchi, si merita la vittoria. Io sono comunque soddisfatta della mia stagione". Ha ragione lei, come sempre.