Martedì 28 Maggio 2024

Doncic: 60 punti e 21 rimbalzi Meglio di Jordan

Migration

Sessanta punti, ventuno rimbalzi e dieci assist. Una tripletta in doppia cifra nel basket Nba che non si era mai vista nemmeno nell’era del ‘mostro’ Michael Jordan. A firmarla nella notte del basket a stelle e strisce è Luka Doncic, la stella slovena dei Dallas Mavericks che così si guadagna l’ingresso nella storia della pallacanestro americana. Nella vittoria ai tempi supplementari contro i New York Knicks, Doncic non solo ha firmato un primato storico ma è riuscito a rendere possibile quello che sembrava impossibile: i suoi Dallas Mavericks erano sotto di 9 lunghezze a 27 secondi dalla fine dei regolamentari, uno scenario che fino a oggi aveva portato la bellezza di 13.884 sconfitte e zero vittorie nelle ultime 20 stagioni. A suggellare il miracolo di Dallas è stato proprio lo sloveno, che sotto di due a 4’’ dalla fine ha sbagliato appositamente un tiro libero e dopo una serie rocambolesca di rimpalli (tra cui un rimbalzo che due giocatori dei Knicks si sono contesi tra di loro) si è ritrovato in qualche modo il pallone in mano, segnando al volo il canestro della parità a un secondo dalla fine per forzare l’overtime, in quello che rappresentava già il suo massimo in carriera per punti a quota 53. Nel supplementare Doncic ha poi aggiunto altri 7 punti e 3 rimbalzi al suo bottino, portando il suo totale a 60 punti (massimo in carriera e record di franchigia), 21 rimbalzi (anche questo career-high) e 10 assist, realizzando una prestazione che nessuno aveva ottenuto; da Wilt Chamberlain a Michael Jordan, da LeBron James a James Harden, l’unico altro giocatore con una tripla doppia da 60 punti in carriera. "Sono stanco da morire - le prime parole a caldo di Doncic accompagnate da una certa sorpresa nel sapere di aver raggiunto quota 60 punti chiedendo conferma all’intervistatore - Ho bisogno di una birra per recuperare".