Martedì 11 Giugno 2024

Sci, ancora Odermatt a Kranjska: suo il gigante bis e la coppa di specialità

Lo svizzero vince di nuovo in Slovenia, ancora battuto Kristoffersen. Arriva la seconda coppa di specialità per Odermatt. Bene Della Vite e De Aliprandini

Marco Odermatt vince il gigante (Ansa)

Marco Odermatt vince il gigante (Ansa)

Kranjska Gora, 12 marzo 2023 - Bis per Marco Odermatt che continua a lasciare le briciole agli avversari e continua a mostrarsi cannibale. Il campione svizzero vince anche il secondo gigante di Kranjska Gora e conquista la coppa del mondo di specialità, annunciando a tutti l'intenzione di raggiungere i 2000 punti in classifica generale. Neanche stavolta Henrik Kristoffersen e Alexis Pinturault sono riusciti a batterlo, secondo e terzo, mentre in casa Italia ancora top ten per Filippo Della Vite e Luca De Aliprandini.

Prima manche

La prima manche, ancora una volta, è stata ad appannaggio dello svizzero Marco Odermatt, capace di conquistare la vetta con 28 centesimi di vantaggio sul francese Alexis Pinturault e 47 centesimi sul rivale norvegese Henrik Kristoffersen. Il cannibale si è adattato bene alle temperature di fine stagione e a una neve calda, anche se la pista si è rovinata meno rispetto alla gara di sabato dove il passaggio degli atleti ha scalfito con solchi e buche il tracciato. In posizione di attacco al podio anche Lucas Braathen ma già con un ritardo di 82 centesimi, davanti al padrone di casa Zan Kranjec quinto a 94 centesimi e in risalita rispetto alla prima gara. Bene gli italiani. Filippo Della Vite ha chiuso sesto a 1”11, mentre Luca De Aliprandini una posizione dietro a 1”66. Buona prova anche di Hannes Zingerle, capace della tredicesima posizione a 2”95 con il pettorale 30. Tra i delusi della prima manche sicuramente l’austriaco Marco Schwarz, sceso con il pettorale 4 e distanziato di 1”66, e lo svizzero Loic Meillard, pettorale 6 e attardato di 3”28. A segnalare lo strapotere di Odermatt e le difficoltà della neve basti pensare che il trentesimo, cioè Erik Read, ha accumulato addirittura più di 4 secondi di ritardo.

Seconda manche

La seconda manche si è disputata con temperature ancora in salita e sotto il sole, la pista ovviamente ha prodotto solchi e avvallamenti ma in maniera accettabile ai fini della regolarità della gara. Sul muro ovviamente si fatica di più ma i migliori non hanno problemi di sorta. E allora c’è poco da fare per battere Marco Odermatt, che sembra lasciare spazio a Henrik Kristoffersen con un errore a inizio seconda manche, ma i due settori finali sono stati esemplari per la sesta vittoria in stagione in gigante, la tredicesima in carriera e la coppa di specialità. Trionfo svizzero in 2’20”91 con 32 centesimi di vantaggio su Kristoffersen, che comunque ha aperto il gas nella seconda manche, ma sono quattro secondi posti in stagione dietro Odermatt, terzo il francese Alexis Pinturault a 70 centesimi, che ha relegato fuori dal podio il padrone di casa Zan Kranjec e l'altro norvegese Braathen. Buona prova per gli azzurri, sia Filippo Della Vite che Luca De Aliprandini si sono confermati in top ten con la sesta e l’ottava piazza, mentre Hannes Zingerle ha chiuso quindicesimo. Le due top ten ottenute da De Aliprandini ieri e oggi lo portano a qualificarsi così per le finali di Soldeu assieme al compagno Filippo Della Vite. Odermatt invece si porta a casa la Coppa del mondo generale e la coppa di specialità, annunciando l’intenzione di sbriciolare ogni record possibile nei prossimi anni. Lo svizzero, pensate, può arrivare a oltre 2000 punti stagionali con l’intenzione di raggiungere e battere Hermman Maier.