Giovedì 30 Maggio 2024
MANUEL MINGUZZI
Altri Sport

Sci, la discesa di Beaver Creek è di Kilde. Male gli italiani

Il norvegese batte sul filo dei centesimi Marco Odermatt e conquista la quindicesima vittoria in carriera. Azzurri nelle retrovie

Aleksander Aamodt Kilde

Aleksander Aamodt Kilde

Beaver Creek, 3 dicembre 2022 - Nonostante il vento, presente anche oggi, gli organizzatori sono riusciti a far partire il weekend di Beaver Creek dopo la discesa cancellata ieri. La Birds of Prey è regno di Aleksander Aamodt Kilde che ha prevalso sul filo dei centesimi al cospetto del cannibale Marco Odermatt, terzo il canadese James Crawford. Gli italiani chiudono nelle retrovie.

Kilde quasi perfetto, Odermatt paga un errorino

Altro grande duello tra i protagonisti di questa coppa del mondo 2022/2023. Aamodt Kilde ha vinto ancora una volta in discesa e ha domato la Birds of Prey in 1’42”09, con soli 6 centesimi meglio di Marco Odermatt. Il norvegese è andato a razzo nella prima parte di scorrimento, poi ha gestito bene ritmo e linee della fase tecnica centrale per poi accelerare nuovamente nel finale. Ma forse non avrebbe vinto se Odermatt non avesse commesso un piccolo errore di linea nel secondo settore che gli ha fatto perdere quasi 4 decimi, poi fatali per il primo posto. Per Kilde quindicesima vittoria in carriera e trentaduesimo podio. Terzo il canadese James Crawford staccato di 79 centesimi, solo uno meglio di Matthias Mayer quarto a 80. Quinto l’altro austriaco Kriechmayr, poi Baumann, Cochran, Hintermann, Feuz e Hemetsberger a completare la top ten.

Gli italiani

Giornata difficile per gli italiani, Paris ha accusato solo nel primo settore mezzo secondo, poi altri sei decimi nella prima parte tecnica dove l’altoatesino è parso incerto e con gli sci poco in conduzione. Alla fine il suo ritardo è quasi di due secondi con un piazzamento fuori dalla top 15. Indietro anche Innerhofer che era partito bene con 46 centesimi di ritardo dopo due settori ma un errore nel curvone verso sinistra lo ha relegato a oltre due secondi di ritardo. Mattia Casse ha invece chiuso a 1"84 di ritardo fuori dalla top 20. 

Leggi anche - Sci di fondo, Pellegrino secondo a Lillehammer