Domenica 16 Giugno 2024

Golf, Molinari 42° negli Emirati

Dopo una partenza nelle prime posizioni il torinese si è imbattuto in una giornata difficile e ha portato a termine il torneo a metà classifica. Vittoria per Daniel Gavins

Edoardo Molinari

Edoardo Molinari

Daniel Gavins ha vinto con 271 (68 66 68 69, -17) colpi il Ras Al Khaimah Championship, ultima di un quartetto di gare negli Emirati Arabi Uniti disputata sul tracciato dell’Al Hamra GC (par 72), a Ras Al Khaimah, dove Edoardo Molinari è terminato 42° con 283 (66 72 73 72, -5).

Gavins, 31enne di Leeds, ha ottenuto il secondo titolo sul circuito, dopo il World Invitational del 2021, superando in un finale rocambolesco lo svedese Alexander Bjork, secondo con 272 (-16) insieme al sudafricano Zander Lombard. Infatti Gavins ha iniziato l’ultima buca con due colpi di vantaggio sul rivale, ma sull’ultima ha segnato un doppio bogey per il parziale di 69 (-3, compresi otto birdie e tre bogey). Bjork, però, non ha saputo approfittarne e con un bogey gli ha lasciato strada (68, -4, sei birdie, due bogey). Il tal modo è stato agganciato da Lombard, autore di un birdie alla 18 (72, par), al quale occorreva un eagle per andare al playoff. Gavins è stato gratificato con un assegno di 311.954 euro su un montepremi di circa 1.850.000 euro (2.000.000 di dollari la cifra ufficiale).

Al quarto posto con 273 (-15) il polacco Adrian Meronk e il danese Thorbjorn Olesen e al sesto con 274 (-14) il giapponese Rikuya Hoshino, lo spagnolo Adri Arnaus e il danese Rasmus Hojgaard, fratello gemello di Nicolai, 13° con 277 (-11), che difendeva il titolo.

Edoardo Molinari, al secondo posto dopo un round, ha poi perso terreno. Ha effettuato il giro conclusivo in 72 (par) colpi con tre birdie, un bogey e un doppio bogey. Vice capitano del Team Europe alla prossima Ryder Cup (29 settembre - 1 ottobre, Marco Simone Golf & Country Club, Guidonia Montecelio - Roma), in assenza del capitano Luke Donald, è stato attento osservatore insieme agli altri due vice capitani, il belga Nicolas Colsaerts, 48° con 284 (-4), e il danese Thomas Bjorn, 56° con 286 (-2). E’ uscito al taglio per il secondo evento consecutivo Guido Migliozzi, 100° con 145 (71 74, +1), dopo aver iniziato la stagione contribuendo al successo del team dell’Europa Continentale nella Hero Cup e il 20° posto nell’Abu Dhabi HSBC Championship.

PROLOGO: A Ras Al Khaimah si conclude il quartetto di eventi del DP World Tour negli Emirati Arabi Uniti con il Ras Al Khaimah Championship (2-5 febbraio) sul percorso dell’Al Hamra GC. Due gli azzurri in campo: Guido Migliozzi, che ha partecipato ai precedenti tre tornei, ed Edoardo Molinari, che ha preso parte agli ultimi due. Il torinese, vice capitano del Team Europe alla prossima Ryder Cup, in assenza del capitano Luke Donald, sarà anche un attento osservatore insieme agli altri due vice capitani, il danese Thomas Bjorn e il belga Nicolas Colsaerts. Entrambi gli azzurri, che hanno alternato buone prove a pause, proveranno a riprendere il cammino interrotto dal taglio subito la scorsa settimana a Dubai.

Difende il titolo il danese Nicolai Hojgaard in un field che comprende il fratello Rasmus, il quale si sta riprendendo dopo un infortunio, il francese Victor Perez, vincitore dell’Abu Dhabi HSBC Championship, il neozelandese Ryan Fox, gli inglesi Callum Shinkwin, Eddie Pepperell e Dan Bradbury, gli spagnoli Adri Arnaus, Jorge Campillo e Rafa Cabrera Bello, il polacco Adrian Meronk e i sudafricani Thriston Lawrence e JC Ritchie. Il montepremi è di 2.000.000 di dollari.