Martedì 23 Luglio 2024

Golf, Finau supera Rahm

L'americano ha conquistato il quarto successo nelle ultime 18 gara superando il numero uno al mondoa Jon Rahm. Francesco Molinari ha concluso al 24° posto

ANSA

ANSA

Sesto successo sul PGA Tour di Tony Finau, il quarto nelle ultime 18 gare disputate, che ha concluso con 260 (65 64 65 66, -24) il Mexico Open at Vidanta, lasciando a tre colpi lo spagnolo Jon Rahm, numero uno mondiale e campione uscente, secondo con 263 (-21). Al Campo de Golf Vidanta (par 71) di Puerto Vallarta in Messico, buona prestazione di Francesco Molinari, 24° con 274 (68 70 68 68, -10), molto regolare come testimoniano i tre round in 68 (-3), l’ultimo con cinque birdie e due bogey.

Alle spalle dei due protagonisti Brandon Wu, terzo con 265 (-19), la promessa Akshay Bhatia, quarto con 266 (-18), Eric Cole, Austin Smotherman e l’argentino Emiliano Grillo, quinti con 268 (-16), Cameron Champ e l’inglese Ben Taylor, ottavi con 270 (-14).

Finau, 33enne di Salt Lake City (Utah), alla 229ª gara sul tour, è passato in poco tempo da regolarista di successo, come dimostrano le 58 top ten con buoni guadagni, a vincente. Ha iniziato il round conclusivo con due colpi di margine su Rahm e Bhatia che poi ha portato a tre sullo spagnolo grazie a un 66 (-5) con cinque birdie senza bogey. Con il successo è salito dal 16° all’11° posto nel World Rnking, dal 12° al quarto nella graduatoria della FedEx Cup e ha ricevuto un assegno  di 1.386.000 dollari su un montepremi di 7.700.000 dollari.

Quanto Jon Rahm, che ha chiuso con un 67 (-4, cinque birdie, un bogey) è stato gratificato con 839.000 dollari, cifra che gli ha permesso già di battere con tante gare ancora da giocare il record di guadagni in una sola stagione sul circuito con 14.462.840 dollari contro il precedente primato di Scottie Scheffler (14.049.910 nel 2021-2022). L’iberico ha mancato il bis consecutivo riuscito solo a tre dei sette plurivincitori dell’evento.

Prologo: lo spagnolo Jon Rahm, numero uno mondiale, difende il titolo nel Mexico Open at Vidanta, torneo del PGA Tour al quale prende parte Francesco Molinari, dopo due settimane di pausa.

Al Campo de Golf Vidanta di Puerto Vallarta in Messico, dove l’evento avrà luogo dal 27 al 30 aprile, Rahm sarà uno dei due soli giocatori tra i primi 20 del World Ranking presenti insieme a Tony Finau, numero 16. Naturalmente l’iberico calamita i favori della vigilia per un bis consecutivo che solo in tre sono riusciti a fare: lo statunitense Al Espinosa, che si è imposto nelle prime quatto edizioni, delle 63 disputate fino a ora, dal 1944 al 1947, e i connazionali Tony Holguin (1949-1950) e Tony Lema (1961-1962). Altri plurivincitori il campione argentino Roberto De Vicenzo, con tre titoli, e con due gli americani Stewart Cink e Lee Trevino e il messicano Ernesto Perez Acosta.

Oltre a Rahm saranno in gara altri due past winner ancora in attività, i messicani Sebastian Vazquez (2016) e Alvaro Ortiz (2021), il secondo molto atteso dai fan di casa. Nel field Wyndham Clark e Beau Hossler, terzi nel precedente Zurich Classic a coppie dopo essere stati in vetta nei primi tre giri, Ryan Moore, Sean O’Hair, Nick Watney, Gary Woodland e Jimmy Walker e tra i concorrenti non statunitensi gli svedesi Henrik Norlander e Alex Noren, gli inglesi Aaron Rai e Matt Wallace, i sudafricani Erik van Rooyen e Garrick Higgo e il danese Nicolai Hojgaard, che ha ricevuto recentemente una “Special Temporary Membership”. 

Francesco Molinari si è concesso una pausa dopo aver subito due tagli consecutivi, l’ultimo al Masters Tournament, e ora riprende per ritrovare la buona condizione con cui aveva iniziato l’anno con il successo nella Hero Cup da capitano e giocatore del Team dell’Europa Continentale e con il quinto posto nell’Abu Dhabi HSBC Championship. 

L’evento, come detto nato nel 1944, ha fatto parte del Tour de Las America dal 2003 al 2006 (dal 2004 al 2006 organizzato insieme al Challenge Tour). Nel 2008 è diventato torneo nazionale, nel 2013 è entrato a far parte del PGA Tour Latinoamerica e dallo scorso anno è nel calendario del PGA Tour. Il montepremi è di 7.700.000 dollari di cui 1.386.000 andranno al vincitore.