Lunedì 20 Maggio 2024

Nella fabbrica abbandonata per fare i selfie da postare su TikTok e Instagram: 18enne cade da 6 metri e rischia la vita

Tre ragazzi sono saliti nella notte sul tetto dell’ex Penicillina di via Tiburtina ma la copertura ha ceduto e uno di loro è precipitato riportando fratture multiple

L'ex fabbrica Penicillina di via Tiburtina, a San Basilio, Roma dove è caduto il 18enne

L'ex fabbrica Penicillina di via Tiburtina, a San Basilio, Roma dove è caduto il 18enne

Roma, 11 maggio 2024 – Entrano di notte nella fabbrica abbandonata per farsi video e selfie da mostrare su TikTok e Instagram ma, quando i tre ragazzi sono sul tetto, la copertura cede e uno di loro cade per 6 metri riportando fratture multiple. É accaduto poco dopo mezzanotte nell’ex fabbrica Penicillina in via Tiburtina 1064, nella periferia di Roma, uno stabile dismesso da decenni e più volte sgomberato dai disperati che vi trovano rifugio, un luogo scelto ieri notte da tre adolescenti appena maggiorenni per fare dei post dell’effetto da mettere sui social. Un’incursione costata caro a uno di loro, un 18enne che ha rischiato di morire precipitando dal tetto: trasportato in codice rosso al policlinico Umberto I con diverse fratture, non sembra in pericolo di vita. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri della stazione di San Basilio e della compagnia di Monte Sacro.

++ In stabile abbandonato per foto, 18enne giù da 6 metri ++
++ In stabile abbandonato per foto, 18enne giù da 6 metri ++

L’incursione

I tre 18enni hanno scavalcato la recinzione della fabbrica abbandonata poco dopo mezzanotte, sono entrati nell’edificio al buio e raggiunto il tetto del secondo piano il pavimento, coperto di lastre di metallo leggero, ha ceduto. Uno dei tre è precipitato di sotto, mentre i due amici sono rimasti illesi e hanno chiamato i soccorsi. Sul posto, oltre ai sanitari del 118 e ai vigili del fuoco, i carabinieri della stazione di San Basilio e i colleghi di Montesacro che hanno avviato un’indagine per chiarire l’accaduto. È al vaglio la posizione dei tre giovani e anche i loro profili social per vedere se ci siano stati dei precedenti: rischiano la denuncia per invasione di edifici. 

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui