Lunedì 20 Maggio 2024

Omicidio di "Diabolik": in aula il video dell’esecuzione e la fuga del killer

Fabrizio Piscitelli, l'ultrà della Lazio fu ucciso a Torvajanica nel 2019. Raul Esteban Calderon, l’unico imputato per il delitto aggravato dal metodo mafioso, collegato dal carcere di Larino

La polizia scientifica sul luogo dell'omicidio di Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, freddato con un colpo di pistola alla testa a Roma

La polizia scientifica sul luogo dell'omicidio di Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, freddato con un colpo di pistola alla testa a Roma

Roma, 22 maggio 2023 - Il killer che si dirige verso la panchina dove Piscitelli è seduto insieme al suo autista, l'esplosione del colpo mortale e la fuga.

Inizia con la proiezione del video dell'esecuzione di Fabrizio Piscitelli, ripreso da una telecamera di sorveglianza posizionata in viale Tito Labieno, la quinta udienza del processo per l'omicidio di Diabolik nell'aula bunker di Rebibbia. Un altro video mostra anche una fasciatura sulla gamba destra del killer mentre scappa sullo scooter con un complice.

Sono stati analizzati in aula i frame dei video acquisiti dagli investigatori della Polizia nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Fabrizio Piscitelli, noto come 'Diabolik', ucciso con un colpo di pistola alla testa il 7 agosto del 2019 nel parco degli Acquedotti.

La ricostruzione delle indagini

Nel corso dell'udienza del processo davanti alla Terza Corte d'Assise di Roma che vede imputato Raul Esteban Calderon, accusato di omicidio volontario aggravato dal metodo mafioso e detenzione abusiva di armi, sono stati sentiti nell'aula bunker di Rebibbia gli investigatori, della Squadra Mobile e della Scientifica, che hanno portato avanti le indagini e che hanno ricostruito davanti ai giudici le diverse fasi: dalla prima richiesta di intervento al numero unico del 7 agosto 2019 negli istanti successivi al delitto, la descrizione del killer in tenuta da jogging, all'arrivo del personale del 118 nel parco che ha constatato la morte di Piscitelli, fino ai rilievi sul luogo dell'omicidio da parte della Scientifica e all'acquisizione delle prime testimonianze e degli impianti di videosorveglianza presenti nella zona. Gli investigatori, chiamati a testimoniare dalla procura, hanno risposto in aula alle domande relative ai video acquisiti da due attività commerciali di viale Tito Labieno e di piazza di Cinecittà che mostrano il passaggio dello scooter utilizzato per il delitto e a quello ripreso da una telecamera posizionata su un terrazzo di via Lemonia che ha ripreso le fasi dell'omicidio.

Il killer

''Sul posto abbiamo trovato un bossolo 9X19 parabellum - ha spiegato in aula uno degli investigatori della Scientifica che ha condotto gli accertamenti - con il simbolo della Nato, riconducibile al munizionamento destinato all'armamento militare. Il bossolo presentava più impronte a freddo di espulsione, circa cinque, tutte riconducibili alla stessa classe di arma. Sembrerebbe da un esame visivo non ricaricato, aveva ancora la vernice che normalmente ricopre l'innesco dopo la fabbricazione e non presentava segni evidenti di ricarimento. Ma può essere stato camerato e scamerato più volte senza essere esploso prima''. Calderon, unico imputato per l'omicidio, rinviato a giudizio lo scorso 5 dicembre, era stato arrestato nel dicembre del 2021 dopo l'inchiesta condotta dai pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, coordinati dai procuratori aggiunti Michele Prestipino e Ilaria Calò, era collegato in video conferenza dal carcere di Larino (Campobasso). Per i pm è lui il runner che ha ucciso Piscitelli. E' lui il killer che nella fuga passa sotto la telecamera, viene identificato e scappa con lo scooter.

Prossima udienza 8 giugno

Nel procedimento sono parti civili i genitori, il fratello e la sorella di Piscitelli. Nella prossima udienza, fissata per l'8 giugno, verranno sentiti altri testi indicati dalla procura e alcuni della lista della difesa, tra i quali l'autista cubano presente al momento dell'omicidio. "Oggi abbiamo cristallizzato la scena del delitto e visto ufficialmente il video che mostra l'esecuzione, sentito l'audio del colpo di pistola, e ascoltato dagli investigatori l'analisi effettuata sul bossolo. Elementi da cui partire per accertare la responsabilità penale dell'imputato'', così Tiziana Siano, legale di parte civile dei genitori e della sorella di Fabrizio Piscitelli. Nella prossima udienza verrà chiamato in aula tra un testimoni l'autista cubano presente al momento dell'omicidio ''che dovrebbe dare ulteriori elementi su quanto avvenuto - sottolinea - anche nei momenti immediatamente successivi al delitto che possono essere utili per fornire un quadro più specifico sul contesto e sugli ultimi momenti di vita di Fabrizio''.