Venerdì 19 Aprile 2024

Istigazione all’odio razziale: indagati Chef Rubio e il professor Orsini dopo le denunce della Comunità ebraica

La procura di Roma ha aperto un fascicolo per alcuni post segnalati per “discriminazione razziale, etnica e religiosa” e per “diffamazione aggravata”

Il professore Alessandro Orsini e Gabriele Rubini, alias Chef Rubio

Il professore Alessandro Orsini e Gabriele Rubini, alias Chef Rubio

Roma, 23 marzo 2024 – Il personaggio tv Chef Rubio e il professore Alessandro Orsini sono indagati a Roma per istigazione all'odio razziale dopo due distinte denunce presentate dalla Comunità ebraica di Roma. Lo riportano oggi i quotidiani Repubblica e Messaggero. Le due denunce lamentano “plurime e reiterate condotte integranti i reati di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa” e per “diffamazione aggravata”.

Le denunce

Nel dettaglio, le denunce si riferiscono a post di Gabriele Rubini, il nome del personaggio televisivo Chef Rubio, in cui si parlava di “coltello antisionista con manico in legno d'ulivo” e uno di Orsini, docente di Sociologia del terrorismo anch’egli spesso presente in trasmissioni tv, in cui riferito al 7 ottobre parlava di “una rivolta”. Secondo chi denuncia nel caso del professore “c'è un'opinione chiaramente animata da un pregiudizio antisemita nei confronti di Israele”. Nel caso di Chef Rubio, secondo i denuncianti “tutti i commenti, soprattutto quelli successivi al 7 ottobre, sottolineano ed evidenziano il concetto di sionismo= terrorismo”. Ad occuparsi del fascicolo il pm Erminio Amelio.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui