Domenica 14 Aprile 2024

Rocco Siffredi denunciato da una giornalista. “Molestata durante l’intervista”

La vicenda è accaduta a Roma, in occasione di un’intervista sulla serie ‘Supersex’. Nella querela sono stati allegati i messaggi e i vocali espliciti che l’attore avrebbe inviato

Il porno star Rocco Siffredi

GERMOGLI PH: 17 MARZO 2024 CAMPI BISENZIO SAN DONNINO SEXY DISCO EXCELSIOR INTERVISTA A ROCCO SIFFREDI PER L'USCITA DELLA NUOVA SERIE NETFLIX SULLA SUA VITA SUPERSEX NELLA FOTO

Roma, 20 marzo 2024 – Rocco Siffredi denunciato per molestie verbali e sessuali. È una giornalista la protagonista della vicenda, iniziata con un’intervista al porno divo 59enne, Rocco Tano all’anagrafe, sulla serie ‘Supersex’, che racconta la sua vita, e finita con insulti e presunte molestie anche a sfondo sessuale.

A raccontarlo è Repubblica, citando la denuncia presentata dalla donna al Commissariato Prati di Roma. L’avvocata Laura Sgrò ha consegnato una querela molto dettagliata, allegando il testo delle chat, con messaggi scritti e vocali, inviati dal porno divo alla giornalista.

“Tutto questo mi ha provocato uno stato di forte agitazione e pertanto mi sono rivolta al mio medico curante, il quale mi ha prescritto farmaci per il mio stato ansioso e i crampi addominali”, ha raccontato la giornalista al Corriere. Ecco com’è andata, secondo il racconto della donna.

Messaggi in chat

I fatti risalgono all’anno scorso, dopo che la giornalista aveva concordato un’intervista con l’attore e produttore di film porno, titolare della Siffredi Production, sulla serie tv ‘Supersex’. Prima dell’incontro, già qualche segnale ci sarebbe già stato. Siffredi aveva scritto messaggi in chat – la conversazioni sono state allegate alla denuncia – prima “colloquiali e gentili” e poi sempre più espliciti.

Il 59enne avrebbe perfino scaricato delle foto dal profilo social della giornalista, commentandole in modo allusivo. “Non avevamo nessun tipo di confidenza, ma non ho dato peso alla cosa perché sono abituata alle lusinghe delle persone che intervisto”, ha detto la donna.

L’intervista e i nessaggi hot

Il 15 marzo dell’anno scorso i due si incontrano per l’intervista all'Hotel Parco dei Principi di Roma. Domande e risposte, tutto molto professionale in quelle due ore di colloquio nella hall dell’hotel, registrata col consenso dell'attore. Ma alla fine, come cita Repubblica, il tono è cambiato.

“Sei veramente simpatica – avrebbe detto l’attore alla giornalista – troppo carina e bona... te lo posso dire! Quando ti stringevo non lo potevo dire troppo di più, però c... beh... lasciamo perdere che mi stavi a fa veni’ proprio una roba un po' particolare. Però te l'ho detto per dirti che sei veramente una donna top, femminilità top”.

E ancora: “Il problema è che sono sempre molto sensibile e ho sentito tanto. Quando è arrivata l'amica tua, ciao! Eravate in due e non una e me ne sono scappato. Non per paura, ma per non fare danni”.

Le minacce e gli insulti

Quando la giornalista sbobina il tutto e manda a Siffredi un’anteprima dell’intervista, la situazione sarebbe esplosa. Insulti, minacce e tentativi di fare cancellare alcuni passaggi dell’articolo che la ragazza avrebbe poi pubblicato.

“Ho letto il tuo articolo e devo dire che quando il destino ti dice di non incontrare quella persona perché è sbagliata, la mia natura mi porta sempre a scoprire perché: non sei una giornalista, sei una approfittatrice, per vendere i tuoi articolini gonfiati ci metti tanto del tuo. Togli di qua perché te l'ha detto il direttore e aggiungi di là. Vabbè, buona vita, woman”. E poi una sfilza di allusioni volgari sulla sua vita sessuale.

Ma non finisce qui. Entra in gioco l’agenzia dell’attore, il giornale decide di eliminare le parti contestate, ma le pressioni sarebbero continuate. “Hai forzato tutto come se fossi pazzo”, le ha scritto l’attore. E ancora: “Mi sono sentito usato”.

Alla fine le scuse: “Ti chiedo scusa come donna, ma non lo faccio per evitare la tua denuncia”. E infatti la denuncia è arrivata e ora gli inquirenti dovranno fare chiarezza sullo svolgersi di una vicenda che lascia molte domande e tanta amarezza.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn