Lunedì 24 Giugno 2024

Droga, 28 arresti a Roma: c’è anche l’ex banda della Magliana Marcello Colafigli. “Fu il mandante dell’omicidio di De Pedis”

Nonostante fosse in regime di semilibertà, era riuscito a pianificare cessioni ed acquisti di ingenti quantitativi di stupefacenti dall'estero. Il gip: “Eccezionale attitudine al crimine”

Roma, 4 giugno 2024 - C'è anche Marcello Colafigli, uno dei promotori storici della banda della Magliana, tra le 28 persone destinatarie di un'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito di un'operazione antidroga nelle province di Roma, Napoli, Foggia e Viterbo. L'ordinanza, emessa dal gip di Roma, è stata eseguita dalle prime luci dell'alba dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia.

Alle 28 persone - 11 destinatarie della misura della custodia cautelare in carcere, 16 della misura degli arresti domiciliari e una dell'obbligo di firma -, sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, tentata rapina in concorso, tentata estorsione in concorso, ricettazione e possesso illegale di armi, procurata inosservanza di pena e favoreggiamento personale.

Marcello Colafigli, ex Magliana, è stato arrestato a Roma
Marcello Colafigli, ex Magliana, è stato arrestato a Roma

Le indagini, avviate dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma e dirette dalla Dda di Roma nel giugno 2020, hanno permesso di raccogliere gravi elementi indiziari in ordine all'esistenza di un sodalizio criminale, con base logistica nella Capitale e operativo nell'area della Magliana e sul litorale laziale, capeggiato da uno dei promotori storici della cosiddetta "Banda della Magliana", Marcello Colafigli che, nonostante in regime di semilibertà, era riuscito a pianificare cessioni ed acquisti di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti dall'estero (Spagna e Colombia), mantenendo rapporti con esponenti della 'ndrangheta, della camorra, della mafia foggiana e con albanesi inseriti in un cartello narcos sudamericano.

Marcello Colafigli, è stato riconosciuto unitamente a Franco Giuseppucci, Enrico De Pedis, Maurizio Abbatino e Nicolino Selis, come uno dei promotori del gruppo criminale noto con il nome Banda della Magliana. Gravato da più ergastoli, è stato condannato, tra l'altro, per il sequestro e l'omicidio del Duca Massimo Grazioli Lante della Rovere (considerata l'azione con cui la Banda ha iniziato la propria attività criminale) e l'omicidio, come mandante, di Enrico De Pedis. 

Il gip: “Eccezionale attitudine al crimine”

Una "eccezionale attitudine criminale”. E ancora: “Disinvoltura ad intrattenere legami con figure criminali di primo piano ma, ancora più, dall'impermeabilità al trentennale periodo di carcerazione non essendo mutate né l'indole né la conoscenza delle dinamiche criminali nel territorio romano e nazionale”. Così il gip di Roma descrive la figura di Colafigli, storico esponente della Magliana tornato oggi in carcere nell'ambito di una indagine della Dda di piazzale Clodio, coordinata dai sostituti Giovanni Musarò e Francesco Minisci.

Colafigli, detto 'Marcellone’, si trovava in regime di semilibertà. “Non appena è stato ammesso allo svolgimento del lavoro esterno al carcere, sfruttando la copertura offertagli dalla responsabile della cooperativa - aggiunge il gip nell'ordinanza a carico di 28 persone -, ha organizzato, in breve tempo, un rilevante numero di importazioni di cocaina ed hashish, di ingente quantità e con abilissime modalità sia nell'escogitare il trasferimento del denaro ai fornitori colombiani sia nel trasporto del narcotico, sfruttando canali italiani ed esteri e programmando, infine, di fuggire all'estero con i proventi delittuosi, in un prossimo futuro mediante l'utilizzo di documenti falsi”. Inoltre l'indagato “ha agevolmente costituito, diretto e coordinato la compagine criminale composta da soggetti del tutto affidabili e non improvvisati, con una stabile base logistica, disponendo di sicuri canali di importazione (colombiani, spagnoli, albanesi, italiani) e su una vasta platea di soggetti (taluni di comprovata e palese capacità delinquenziale) estremamente fedeli al Colafigli, riconosciuto come un criminale autorevolissimo”.