Sabato 13 Aprile 2024

Pavia, negato il teatro comunale

Il Comune di Pavia nega ai sindacati un teatro per festeggiare il Primo maggio, scatenando polemiche. La giunta di centrodestra ha respinto la richiesta, sostenendo che la struttura è destinata solo a eventi culturali e per famiglie.

Il Comune nega ai sindacati un teatro per festeggiare il Primo maggio. Succede a Pavia, con annessa polemica, alimentata dal fatto che la giunta è di centrodestra. Per la Festa del Lavoro, Cgil, Cisl e Uil avevano pensato di organizzare nella struttura comunale al mattino un dibattito e al pomeriggio una merenda e un concerto. Permesso negato perché "quelle proposte sono attività non identificabili con gli indirizzi sociali e culturali fatti propri dall’Amministrazione". Ma "il Primo maggio trova rispondenza sull’articolo 1 della Costituzione – ha commentato Fabio Catalano Puma, segretario della Cgil di Pavia –. E Pavia non vi sono strutture alternative". Anche Carlo Barbieri, segretario della Uil di Pavia, non ha nascosto la sua sorpresa. Più cauto il giudizio di Giovanni D’Antuono della Cisl, che si è detto in attesa di capire meglio le ragioni. Il sindaco, il leghista Fabrizio Fracassi, ha replicato ribadendo che "il regolamento prevede che la struttura venga utilizzata solo per eventi culturali o spettacoli per bambini e famiglie". Una regola "in vigore già prima che arrivasse la nostra giunta".