Lunedì 22 Aprile 2024

Meloni che si copre la testa con la giacca sulla prima pagina del Wall Street Journal. La premier: “Ironia”

Bonelli: “La sua mimica facciale francamente fastidiosa, deve avere una postura istituzionale”. La presidente del Consiglio: “Non volevo intimorire”

Roma, 21 marzo 2024 – Una seduta dell’Aula della Camera che sa di show quella di ieri dedicata alle comunicazioni di Giorgia Meloni, dal “ragazzi vi vedo nervosi” all’abbraccio della premier con Salvini con tanto di testa sulla spalla, fino alla testa infilata nella giacca la cui immagine finisce sulla prima pagina del Wall Street Journal, accompagnata dalla frase che il leader dei Verdi Angelo Bonelli le aveva appena rivolto: “Don't Look at Me With Your Disturbing Eyes”, non mi guardi con quegli occhi inquietanti.

Ieri infatti, mentre il leader dei verdi attacca la presidente del Consiglio in Parlamento, la invita a non guardarlo “con quello sguardo inquietante”. E lei cosa fa? Mette letteralmente la testa nella giacca. Una reazione effettivamente così insolita da finire sulle prime pagine dei giornali Usa.

Approfondisci:

Meloni alla Camera: "Noi ambigui? Peggio il Pd. Linea chiara sulla guerra". Duello in aula con Conte

Meloni alla Camera: "Noi ambigui? Peggio il Pd. Linea chiara sulla guerra". Duello in aula con Conte
Approfondisci:

Meloni, l’abbraccio con Salvini e la polemica con le opposizioni. “Ragazzi, vi vedo un po’ nervosi. Sull’Ucraina contano i voti”

Meloni, l’abbraccio con Salvini e la polemica con le opposizioni. “Ragazzi, vi vedo un po’ nervosi. Sull’Ucraina contano i voti”
Meloni sulla prima pagina del Wall Street Journal
Meloni sulla prima pagina del Wall Street Journal

Bonelli: “Facciamo la figura delle macchiette”

“Non potevo pensare che” Giorgia Meloni “reagisse a quel modo”, nascondendo la testa nella giacca, ha detto stamani, a Un giorno da PecoraAngelo Bonelli (Avs).

Bonelli si è detto stupito dalla reazione della premier: “Non avevo mai visto una cosa del genere, nemmeno quando andavo a scuola....Quello è il Parlamento, io potrei aver detto anche una cosa fuori luogo ma la reazione può essere quella? La foto (di Giorgia Meloni, ndr) non è andata solo sul Wall Street Journal, ha fatto il giro del mondo. E non è un problema solo suo, ma dell'Italia. Rischiamo di fare la figura delle macchiette”. A chi gli chiedeva di definire meglio lo sguardo “inquietante” della premier, ha risposto: “Occhi vitrei che guardavano...gli occhi di una persona evidentemente non interessata a ciò che dicevo ma a derubricarlo”.

Meloni: “La mia ironia, non volevo intimorire”

Su quello scatto è tornata la stessa Meloni che ha ironizzato sui social: “Noto lo scalpore di diversi esponenti dell'opposizione perché alle parole del leader dei Verdi Bonelli ho risposto coprendomi ironicamente il volto per non destare ansietà al collega”. Nel post, la premier si è poi “scusata con il collega e con chiunque altro possa eventualmente sentirsi intimorito”.

Bonelli ha replicato: "Intimorito io? No. Il problema non sono nemmeno le scuse, il punto è che quando la premier viene in Aula, deve fare la premier e avere una postura istituzionale, che lei non ha. Ieri in Aula parlavo di questioni serie, gravi, della tragedia di Gaza, e la mimica facciale, francamente fastidiosa, della premier è una cosa che non si vede in nessuna aula del parlamento, in Europa e nel mondo. Smorfie, battutine,  sguardi mentre si parla di questioni rilevanti... no. Si può essere o non essere d'accordo ma si ascolta poi si risponde. Comunque, non mi sento intimorito, non mi sono mai fatto intimorire da nessuno, ma la invito ad assumere una postura istituzionale quando viene in Aula".