Mercoledì 22 Maggio 2024

"L’ad disse frasi sessiste". Dimissioni alla Consip. E decade tutto il cda

Lasciano la presidente e una consigliera, di conseguenza salta il board. La denuncia: "Pronunciate espressioni irriguardose come ’vammi a fare il caffè’".

"L’ad disse frasi sessiste". Dimissioni alla Consip. E  decade tutto il cda

"L’ad disse frasi sessiste". Dimissioni alla Consip. E decade tutto il cda

Il cda della Consip sarebbe decaduto dopo le dimissioni della presidente, Barbara Luisi, e della consigliera, Luisa D’Arcano, in seguito ad una serie di accuse rivolte all’amministratore delegato Marco Mizzau, che avrebbe pronunciato frasi sessiste all’idirizzo di sue sottoposte.

Secondo la ricostruzione del Corriere della sera e di Repubblica online, che citano il blog "Sassate", l’amministratore delegato della centrale di acquisto nazionale, interamente partecipata dal ministero dell’Economia, avrebbe rivolto alle dipendenti frasi offensive. Episodi ripetuti - si spiega - che nelle ultime ore avrebbero spinto la presidente Barbara Luisi e la consigliera Luisa D’Arcano a dimettersi, facendo così decadere tutto il board, compreso il manager contestato, visto che il consiglio di amministrazione era composto dalle due dimissionarie e dallo stesso Mizzau.

Un mese fa - è la ricostruzione - sempre il blog "Sassate" aveva denunciato "il clima creatosi in Consip per i comportamenti ‘sessisti’ (ma soprattutto maleducati) di Mizzau nei confronti di una dirigente dell’azienda". Negli scorsi giorni, sempre sullo stesso sito, era apparso un post che rilanciava le accuse anonime di alcune dipendenti. "Il giovane manager, inesperto di società pubbliche e di ruoli così importanti - si legge nel post riportato - ‘scivola’ spesso in azienda in commenti fuori controllo nei confronti delle dirigenti donne".

Commenti e battute che ritiene scherzose "ma che non sono certo ammissibili con il suo ruolo. E comunque non in linea con le norme in vigore. Per non parlare del codice etico aziendale e di tutte le policy e leggi a difesa delle donne".

Marco Mizzau, 46 anni, laureato con il massimo dei voti alla Luis di Roma, è amministratore delegato di Consip dal giugno 2023. Dal 2019 al 2023 era stato direttore generale di Inarcassa. Per il momento la Consip non ha voluto rilasciare dichiarazioni sulla vicenda.