FdI blinda il presepe: "Sanzioni ai presidi che decidono di vietarlo a scuola"

Fratelli d'Italia presenta un disegno di legge al Senato per "blinadare" le tradizioni cristiane negli istituti scolastici italiani. La legge prevede sanzioni per i dirigenti scolastici in caso di mancato rispetto. La reazione del mondo scolastico è di preoccupazione.

FdI blinda il presepe: "Sanzioni ai presidi che decidono di vietarlo a scuola"
FdI blinda il presepe: "Sanzioni ai presidi che decidono di vietarlo a scuola"

Fratelli d’Italia ‘blinda’ le tradizioni cristiane. Grazie a un disegno di legge presentato al Senato dal partito di Giorgia Meloni, "non sarà più possibile cancellare il presepe, il Natale e la Pasqua all’interno degli istituti scolastici italiani di ogni ordine e grado". A illustrare l’iniziativa è Lavinia Mennuni, senatrice di Fdi e prima firmataria del ddl: "Da qualche anno assistiamo a inaccettabili e imbarazzanti decisioni di alcuni organi scolastici che vietano il presepe nelle scuole o ne modificano l’essenza profonda modificando ad esempio la festa del Natale in improbabili festività dell’inverno per non offendere i credenti di altre religioni", afferma la parlamentare. Con la proposta di legge targata Fdi e firmata da molti parlamentari, "questo non sarà più possibile".

Il ddl prevede tra l’altro anche sanzioni per i dirigenti scolastici in caso di mancato rispetto della legge.

La reazione del pianeta scuola non si è fatta attendere. "Bisogna certamente tener presente la tradizioni del Paese, ma imporle per legge è fuori luogo. Ci sarà comunque modo, nel dibattito parlamentare, di valutare bene il da fare". Così Antonello Giannelli, presidente nazionale dell’Associazione presidi (Anp).

"Dovrebbero rileggere la Costituzione. La scuola pubblica è laica, e le istituzioni scolastiche sono autonome. La Flc difenderà sempre questi due principi costituzionali contro qualunque intervento autoritario". È quanto afferma Gianna Fracassi, segretario generale Flc Cgil.