Martedì 16 Aprile 2024

Ex Ilva, chiesto il commissario

L'ultima trattativa con ArcelorMittal per Acciaierie d'Italia è fallita, portando Invitalia a chiedere al governo l'amministrazione straordinaria. Il commissario è in arrivo, confermato dopo verifiche tecniche. Il confronto con i sindacati è imminente.

L’ultima trattativa con ArcelorMittal è finita contro un muro. Così Invitalia ha chiesto al governo di ricorrere all’amministrazione straordinaria per Acciaierie d’Italia. L’arrivo del commissario è ora praticamente certo. Servono ancora alcune verifiche tecniche e poi oggi il governo lo annuncerà ai sindacati dei lavoratori dell’ex

Ilva. Il confronto è arrivato al capolinea nel fine settimana e che fosse arrivato il momento delle scelte era chiaro. "Invitalia – ha scritto il socio pubblico di Acciaierie – dopo aver esperito negli ultimi mesi e da ultimo in queste settimane, in costante dialogo con il Governo, ogni tentativo possibile di accordo con il socio privato, preso atto dell’indisponibilità di quest’ultimo a contribuire a garantire la continuità aziendale ha inoltrato al ministero delle Imprese e del Made in Italy, un’istanza per le conseguenti valutazioni tecniche e amministrative per la procedura di amministrazione straordinaria per Acciaierie d’Italia". Anche il ministro Adolfo Urso ha ricordato chiaramente che "l’investitore straniero che guida l’azienda (ArcelorMittal. ndr), e che ha la maggioranza delle azioni, non intende mettere risorse nell’azienda".