Martedì 16 Aprile 2024

Cortei. Meloni incontra i poliziotti:: "Brutto clima"

I sindacati a Palazzo Chigi con mezzo governo "Serve il Daspo per i manifestanti violenti". L’esecutivo valuta la proposta delle forze dell’ordine.

Cortei. Meloni incontra i poliziotti:: "Brutto clima"

Giorgia Meloni all’incontro di ieri

Primo faccia a faccia tra la premier Giorgia Meloni e i sindacati di polizia dopo le cariche degli agenti contro i manifestanti a Pisa e Firenze. Un vertice simbolico, che ha avuto un duplice obiettivo: quello di suggellare la difesa a oltranza della categoria e di riannodare i fili del pacchetto sicurezza varato il 16 novembre dal Consiglio dei ministri. Da un punto di vista formale l’incontro è stato convocato a Palazzo Chigi per discutere sulle iniziative legislative in itinere del governo in materia di ordinamento, organizzazione e funzionamento delle forze di polizia con funzioni di controllo del territorio. "C’è un clima che non mi piace e di cui mi sento responsabile, perché parte di questo clima dipende dal fatto che c’è la necessità di attaccare la sottoscritta e questo governo", ha dichiarato la premier, secondo l’Ansa. "Mi preoccupa: è un anno particolare, abbiamo la presidenza del G7. Sarà un anno molto impegnativo, ma vedo toni che mi ricordano anni molto difficili per la nostra nazione".

Per l’esecutivo, oltre alla premier all’incontro hanno partecipato anche il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, quello dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Alfredo Mantovano. Per i sindacati i rappresentanti di Siulp, Sap, Siap, Federazione Coisp-Mosap, Fsp Polizia di Stato ES-LS-Consap-M.P., Silp Cgil, Cocer Arma Carabinieri, Cocer Guardia di Finanza. "Ci tengo a ricordare che nel 97% delle manifestazioni che si sono svolte in questi mesi non c’è stata alcuna criticità – ha detto la premier –. Solo nel 3% dei casi si sono riscontrate criticità e questo dimostra l’ottima gestione dell’ordine pubblico". "Il ministro Piantedosi, in parlamento, e il capo della polizia, hanno assicurato la verifica attenta di quanto è accaduto a Pisa – ha spiegato Meloni – e la piena collaborazione con l’autorità giudiziaria per far emergere errori o abusi. Fermi restando questi accertamenti, lo scopo di questo nostro incontro è di ricevere da voi proposte sul contributo che il Governo e il Parlamento possono dare per migliorare la gestione dell’ordine pubblico". Il Daspo anche per gli autori di atti violenti durante le manifestazioni, in analogia a quello applicato ai tifosi è invece una delle proposte messe sul tavolo dai sindacati durante l’incontro. Dal Governo, secondo i rappresentanti delle organizzazioni, ci sarebbe stata disponibilità a valutare la misura. E, dopo l’incontro, Elly Schlein puntualizza: "La cosa importante è sostenere le forze dell’ordine nel lavoro che fanno ogni giorno, ma quetso non significa non avere diritto di critica rispetto a cose viste a esempio a Pisa". Critici sui ritardi del governo i rappresentanti del M5S: "Il contratto della polizia è scaduto da quasi 800 giorni, gli straordinari emergenti non vengono pagati da 20 mesi e le carenze di organico peggiorano con il passare del tempo".