Lunedì 15 Aprile 2024

La parola del giorno: “Bioeticista”

L'articolo esplora la complessità di difendere la libertà di culto in una società multiculturale, evidenziando l'importanza del ruolo del bioeticista nella mediazione tra scienza, etica e diverse sensibilità culturali.

BIOETICISTA

L'articolo esplora la complessità di difendere la libertà di culto in una società multiculturale, evidenziando l'importanza del ruolo del bioeticista nella mediazione tra scienza, etica e diverse sensibilità culturali.

Quanto possa essere complesso difendere il diritto alla libertà di culto lo scopriamo ogni giorno vivendo in una società sempre più multietnica e multiculturale.

Fedi, sensibilità, tradizioni, aprono a continui dibattiti e ripensamenti, fra nuove scoperte della scienza , vecchie convinzioni e diversi modi di guardare alla vita.

Come affrontate temi etici in società laiche ma comunque fortemente segnate da istanze religiose?

Serve il bioeticista, ossia colui-colei che si occupa di bioetica. E’ un termine coniato per una figura professionale nuova, che sempre più spesso entra negli organigrammi delle strutture sanitarie e ospedaliere, ma non solo.

Il neologismo, non a caso, ha preso campo in seguito all’acceso dibattito degli ultimi anni su questioni etiche sollevate dalle recenti scoperte della biologia e della medicina, prime fra tutte l’uso delle cellule staminali, gli xenotrapianti, i test genetici e in generale all’applicazione delle scoperte scientifiche sull’uomo.

Il bioeticista è in sostanza un professionista della mediazione culturale: il suo compito è quello di rendere accettabili e sicure, a livello sociale, le innovazioni introdotte dalla scienza, tenendo conto delle diverse sensibilità che si vanno a toccare, come per esempio quella laica e quella cattolica.

A cura di Olga Mugnaini