Venerdì 14 Giugno 2024

Napoli pedala, appello al sindaco Manfredi: "Sulle strade chiediamo sicurezza"

L'associazione in occasione del Giro d'Italia guarda al dopo corsa, senza interventi "ci ritroveremo nel nostro incubo quotidiano fatto di violenza stradale, traffico e inquinamento"

Giro d'Italia a Napoli. L'attesa della partenza della tappa  in piazza Plebiscito

Giro d'Italia a Napoli. L'attesa della partenza della tappa in piazza Plebiscito

Napoli, 11 maggio 2023 - Sicurezza per i ciclisti quotidiani. L’appello al sindaco Manfredi in occasione del passaggio della tappa del Gito d’Italia a Napoli. “Da appassionati di questo magnifico sport non possiamo non essere contenti ed orgogliosi di mostrare la nostra città al mondo, per le sue bellezze e la sua cultura. Il Giro d'Italia rappresenta per la città una splendida occasione, anche per stimolare e radicare la possibilità di cambiare abitudini di spostamento nel quotidiano, verso la mobilità attiva e sostenibile, attraverso le bici o altri mezzo a impatto zero. Sarà una bella giornata di sport ed aggregazione. Lungimirante la scelta della Città metropolitana di Napoli di aver deciso di confermare per il secondo anno consecutivo una tappa del Giro con partenza ed arrivo in città. La questione su cui riflettere seriamente però, che resta sul tavolo, è legata a quello che succederà un attimo dopo il passaggio della carovana rosa: ci ritroveremo come se nulla fosse accaduto nel nostro incubo quotidiano fatto di violenza stradale, traffico e inquinamento". È quando si legge in una nota dell'associazione Napoli Pedala.

Approfondisci:

Giro d'Italia oggi a Napoli: le strade chiuse e gli orari. Stop anche alle scuole

Giro d'Italia oggi a Napoli: le strade chiuse e gli orari. Stop anche alle scuole

La situazione dall’anno scorso ad oggi 

"Dal Giro nel 2022 all'edizione di quest'anno - spiegano - le condizioni di chi usa la bici o altri mezzi ad impatto zero, come mezzo di trasporto sono peggiorate pesantemente. Napoli perde punti in ogni classifica sui temi della mobilità e del trasporto urbano. Le cause sono l'aumento dei livelli di traffico veicolare, l'assenza di nuove infrastrutture ciclabili, la cancellazione di ztl come quella di piazza Dante, l'eliminazione di corsie preferenziali per bus, l'aumento di incidentalità di pedoni e ciclisti ed il sistematico sforamento dei limiti d'inquinamento. In questo senario chi si muove ogni giorno utilizzando la bici come mezzo alternativo per il trasporto, lo fa in una condizione di rischio e pericolo intollerabile".

Verso la tappa del 2024, cosa serve

"Siamo contenti - ancora Napoli Pedala - che già si stia pensando di riconfermare nel 2024 un'altra tappa del Giro in città, ma sarebbe ingiustificabile presentare una città che non ha fatto passi in avanti con infrastrutture di qualità per chi pedala". "Il prossimo 1 e 2 giugno - si ricorda - in occasione del Napoli Bike Festival presenteremo in città la proposta di legge nazionale di città 30 km/h e ci auguriamo che il Comune di Napoli, come già fatto da città come Bologna, Olbia, Reggio Emilia, Milano e tante altre decida di sostenere una scelta di qualità e sicurezza dello spazio urbano non più rinviabile. Serve incrementare le aree pedonali; mettere in sicurezza incroci pericolosi; potenziale la segnaletica e la sicurezza degli attraversamenti pedonali; istituire sistemi di controllo della velocità permanenti; istituire le domeniche a piedi; progettare e realizzare ciclabili utili e di qualità, infatti gli esempi delle bike lanes di corso Umberto e piazza Garibaldi, rappresentano in modo fin troppo evidente, che ciclabili fatte male, non servono e sono uno spreco di risorse pubbliche"