Sabato 13 Aprile 2024

Pro e contro delle cucine in laminato, guida definitiva all’acquisto

Gli arredi con questo rivestimento sono economici, resistenti, versatili e moderni

Cucina in laminato

Corner of stylish kitchen with gray walls, concrete floor, wooden cupboards with built in sink and cooker and island. 3d rendering

Negli ultimi tempi sono diventate popolari le cucine in laminato il cui arredamento, inclusi i mobili, è realizzato principalmente con pannelli realizzati con il rivestimento in questione.

Caratteristiche

Il laminato è un materiale multi-strato. In commercio se ne trovano diversi tipi, che sono classificati in base al metodo di lavorazione o dell’applicazione dei fogli decorativi. I generi più comuni sono:

- HPL (High Pressure Laminate), molto resistente, ottenuto dalla forte pressione dei fogli con presse piane abbinate ad alte temperature, - CPL (Continuous Pressure Laminate), sottoposto a una pressione minore, ma costante tramite presse a rullo, di spessore e resistenza minori del precedente; - CHPL (Continuous High Pressure Laminate), un ibrido che mixa gli altri due, con relative caratteristiche, di nuova generazione.

Pro delle cucine in laminato

Le cucine con mobili in laminato presentano diversi aspetti positivi.

- Il laminato è tendenzialmente resistente (a urti, graffi, umidità, muffe…) e di lunga durata. - È più facile da igienizzare; tuttavia non vanno usati prodotti chimici aggressivi, ma detergenti delicati. - È più conveniente rispetto ad altri materiali come il legno massiccio, l'impiallacciato o il laccato. - È più leggero del legno e di alcune sue varianti, quindi i pezzi delle cucine realizzate in questo modo sono più facili da trasportare, assemblare e installare. - Unisce estetica e funzionalità ed è disponibile in una vasta gamma di colori e disegni. - È un rivestimento versatile che consente anche un alto livello di personalizzazione con diverse di finiture (opache, lucide, goffrate, simil-legno o simil-ceramica). - Le cucine in laminato si sposano bene con vari tipi di stili: classico, rustico o shabby chic, a seconda dei gusti e delle esigenze.

Contro del laminato in cucina

- Se si è amanti dell’effetto naturale, il laminato è invece un prodotto artificiale che non riesce a imitare in tutto e per tutto legno o marmo. - Il laminato tende a essere poco resistente al calore, dunque è meglio non mettere direttamente su superfici con questo rivestimento pentole, teglie o altri oggetti caldi, poiché ciò potrebbe danneggiarlo irreparabilmente. - Se il piano cucina ospita il piano cottura, è preferibile optare per fuochi a induzione anziché per fiamme libere. - Se il laminato è esposto continuamente ai raggi UV, la colorazione originale potrebbe sbiadire. Pertanto, quando si progetta una cucina con questo materiale, è opportuno tenere conto della posizione delle finestre e dei punti luce della casa.

In linea di massima questi possibili limiti sono caratteristici dei laminati CPL (Continuously Pressed Laminate). Quelli stratificati HPL (High Pressure Laminate), invece, presentano una maggiore resistenza al calore fino a 170°C e una buona resistenza agli agenti chimici e organici. Sono anche ecocompatibili, derivando da pannelli grezzi con basse emissioni di formaldeide e sono ignifughi.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro