Giovedì 13 Giugno 2024

Premiare il talento, sulla scia di Lucio Dalla

A ottant’anni dalla nascita del cantautore un concorso e una vetrina per giovani musicisti e produttori. Serata finale a Bologna il 2 marzo

L’iconico zuccotto da cui fanno capolino gli occhiali tondi richiama quella sua espressione intenta a sbirciare. Quello sguardo curioso e sensibile capace di captare il talento musicale come nessuno. Un’immagine iconica che spunta dietro la scritta ‘Ciao’, evocativo simbolo scelto per la prima Rassegna Lucio Dalla. Un evento speciale a pochissimi giorni dall’80° anniversario della sua nascita, il 2 marzo al Teatro Celebrazioni di Bologna (Dalla nacque il 4), per celebrare un nuovo modo di fare musica, come Dalla ha insegnato. Per premiare il talento e l’innovazione artistica, come Dalla ha sempre fatto. Per valorizzare e incoraggiare i talenti emergenti, come Dalla avrebbe professato oggi.

Così, la rassegna si pone l’ambizioso compito di raccogliere gli insegnamenti di Dalla e tramutarli in un appuntamento unico in Italia, cucito a immagine e somiglianza del grande cantautore. "L’idea è arrivata qualche anno fa, ma aspettavamo l’occasione giusta", racconta Daniele Caracchi, presidente di Pressing Line e membro della Fondazione Dalla, che promuovono l’evento col Comune di Bologna e il sostegno di Banca di Bologna, mentre Qn-Quotidiano Nazionale (il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno) è media partner. Saranno assegnati premi speciali agli artisti più talentuosi e innovativi della scena.

Non solo gli artisti in sé, ma anche i brani, le colonne sonore più emozionanti, i produttori più lungimiranti, i talent scout più esperti. Allo stesso tempo, prenderà vita anche il primo Ciao Contest. La musica di domani: un’importante vetrina per nuovi talenti, che possono candidarsi per le categorie ‘canzone’, con un brano da loro scritto e interpretato, e ‘producer’, con un brano interamente arrangiato. "Lucio non era solo musicista o grande scopritore di talenti: era capace di riconoscere l’arte in ogni forma", prosegue Caracchi.

Sarà una giuria a selezionare dieci artisti per ciascuna delle due categorie e a decretare i due vincitori nella serata del 2 marzo, con la possibilità di esibirsi sul palco del teatro bolognese. La giuria è composta da Massimo Bonelli (presidente di giuria e direttore artistico), Antonio Filippelli (music producer), Carlo Pastore (conduttore radiofonico), dal cantautore Giovanni Truppi, dalla giornalista Giulia Cavaliere, dallo scrittore Marco Missiroli, dalla curatrice d’arte Maria Vittoria Baravelli, da Nina Selvini (ad Astarte), Sara Potente (direttrice artistica di Numero Uno), Silvia Danielli (Billbord Italia) e Valerio Baroncini (vicedirettore del Carlino).

Per iscriversi c’è tempo fino alla mezzanotte del 13 febbraio sul modulo disponibile all’indirizzo: luciodallaciao.icompany.it. Il 3 marzo, Sony Music pubblicherà le ristampe dei vinili di alcuni degli album più significativi di Dalla, in edizione limitata e per la prima volta in versioni inedite (colorate e picture disc) e numerate (500 copie).

Francesco Moroni