Venerdì 21 Giugno 2024
CONTENTS
Magazine

La micro frangia, il tocco contemporaneo a una moda anni Venti

La tendenza ha conquistato anche Emma Watson, Zoë Kravitz, Zendaya e altre celebrities

Zoë Kravitz con frangia in stile anni '20

Zoë Kravitz con frangia in stile anni '20

Alcune mode dei decenni passati hanno un fascino intramontabile. Si parla di tendenze non solo nel settore dell’abbigliamento, degli accessori e del design, ma anche in quello della bellezza. Nelle ultime stagioni, per esempio, uno dei trend più in voga degli Anni Venti, la micro frangia, è stato riproposto e rivisitato con un gusto più contemporaneo. Anche alcune celebrities amate da Millennials e Generazione Zeta hanno sfoggiato questa versione mini e sbarazzina della classica frangia: Emma Watson, Rihanna, Zoë Kravitz, Taylor Swift e Zendaya, solo per fare alcuni nomi.

Caratteristiche

Quello che colpisce subito della micro frangia è la lunghezza estremamente ridotta, dato che di solito si ferma poco sopra le sopracciglia o, più di rado, è sovrapposta a esse. Uno dei suoi punti di forza è il fatto di mettere in risalto gli occhi, diventando un punto focale sul volto. Inoltre dona freschezza e originalità all’immagine, permettendo di cambiarla un po’ senza stravolgerla. La baby bang – com’è chiamata la mini frangia – sta bene anche a chi ha mascella e mento strutturati e definiti.

Quel che piace, poi, a parte l’estetica, a seconda dei gusti, è anche la sua massima flessibilità: si può portare dritta e netta se si vuole un look grintoso e punk oppure più naturale e mossa, per un’aria più morbida e romantica. Inoltre, si abbina bene a una varietà di tagli di capelli, come il pixie cut, lo shag e il bob. È importante però che a realizzarla sia un professionista, perché richiede grande precisione e bravura nella tecnica. Bisogna mettere in conto, infine, che alla micro frangia occorre una regolare manutenzione affinché mantenga forma e lunghezza perfette.

A chi sta bene la micro frangia

La forma del viso è un elemento preliminare da considerare in vista di una frangia e ancor più di una micro frangia. Come anticipato, affidandosi a un esperto di hair styling non si dovrebbero avere problemi. Ad ogni modo, a titolo indicativo, ci si può orientare così: la micro frangia può essere adattata soprattutto a chi ha una fronte ampia o desidera accentuare lo sguardo mettendolo in primo piano e facendolo risaltare. Se si ha una forma del viso rotonda, forse sarebbe bene non accorciare troppo la frangia per non evidenziare ulteriormente guance e ovale. Tendenzialmente è più facile da acconciare sui capelli naturalmente lisci e fini, ma anche su quelli mossi o ricci può essere realizzata con cura e con un po’ di pazienza in più. Un’altra considerazione ha a che fare soprattutto con l’immagine personale che si vuole comunicare. La micro frangia aggiunge audacia e creatività al look e un pizzico di grinta in più. È importante considerare se la micro frangia si adatta al tuo stile personale e se ti fa sentire a tuo agio.

Styling perfetto

A fare la differenza su una frangia molto corta, oltre al taglio è anche lo styling. Se si è nelle mani di un parrucchiere professionista, si può stare tranquilli. Altrimenti, quando si è da soli in casa propria, è importante considerare qualche accorgimento.

Dopo aver lavato i capelli, si procede con l’asciugatura della chioma con phon e spazzola. In questo caso, per la frangia baby serve una spazzola tonda dal diametro piccolo. Se si tirano le ciocche verso il basso si avrà un effetto più liscio e ordinato, altrimenti si può optare per un effetto mosso e spettinato. Per maggiore definizione, si può usare ovviamente anche la piastra. Ci si può poi aiutare usando una crema specifica per la phonatura e poi del gel, della cera o della lacca per fissare il risultato e domare eventuali ciuffi ribelli. L’importante è dosare con equilibrio i prodotti che, se sono usati in quantità eccessive, possono appesantire e ungere.