Dormire fa bene alla nostra salute

di Marina Santin Dormiamo sempre meno e, senza rendercene conto, accumuliamo un debito di sonno che ha ripercussioni negative sulla salute....

Dormire fa bene alla nostra salute

Dormire fa bene alla nostra salute

di Marina Santin

Dormiamo sempre meno e, senza rendercene conto, accumuliamo un debito di sonno che ha ripercussioni negative sulla salute. Quando ci si sveglia riposati e con la sensazione di pieno recupero, la sonnolenza residua passa rapidamente e si è subito attivi. Al contrario, se la notte è stata breve, ci si sentirà ’rallentati’ per tutto il giorno, soprattutto a livello fisico.

Al mattino poi, una bella doccia sembra la soluzione migliore per svegliarsi. Peccato però che l’acqua calda sia così piacevole da volere restare lì all’infinito. La spiegazione c’é. Il nostro orologio biologico è programmato per alzare la temperatura corporea al risveglio. Quando si dorme poco questo processo inizia meno rapidamente e abbiamo bisogno di ’scaldarci’ per riattivare l’organismo. Anche lo sbadiglio è un segnale della mancanza di riposo notturno, essendo un meccanismo di azione-reazione a una situazione di noia, fame o sonno.

Se sbadigliamo durante il giorno (arrivando talvolta ad addormentarci), in assenza delle prime due cause, allora significa il corpo non ha recuperato sia a livello fisico che psicologico e sta reagendo a un’intensa stanchezza aumentando l’apporto d’ossigeno così da mantenere l’organismo sveglio e attivo. Il sonno disturbato porta anche a uno squilibrio degli ormoni che controllano l’appetito innescando il desiderio di cibi ricchi di grassi e zuccheri.

Lo zucchero infatti, migliora la capacità di attenzione, ma l’effetto è di breve durata e si crea un circolo vizioso dannoso che porta all’insorgere di malattie quali il diabete di tipo II. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che l’epidemia di obesità negli Stati Uniti, non deriva solo dal cibo spazzatura, ma anche dallo sconvolgimento dei ritmi biologici. Dormire poco, può essere anche responsabile di fastidiosi mal di testa (a causa della stimolazione di un insieme di nervi e neuroni celebrali), e di indolenzimenti muscolari.

Di notte il corpo riposa per rigenerare i suoi tessuti e, se i muscoli non si rilassano, inevitabilmente, le tensioni muscolari del giorno prima persisteranno fino a quello successivo. Infine, la mancanza di sonno, influisce sulla memoria, sulla capacità di concentrazione e sul controllo delle emozioni. Innanzitutto, è durante la notte che il cervello seleziona e archivia le informazioni ricevute durante il giorno. La fatica accumulata rallenta questo meccanismo e si è più distratti o non si ricordano fatti o nozioni.

Anche le emozioni vengono elaborate la notte attraverso i sogni che servono per liberare l’inconscio. L’insonnia compromette questa attività, l’autocontrollo cala ed emozioni come sensibilità o aggressività vengono esacerbate.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro