Giovedì 18 Aprile 2024

Come scegliere il passeggino, la guida all’acquisto definitiva

Tra gli aspetti da valutare attentamente ci sono la sicurezza, la solidità, la pesantezza, la chiusura e gli accessori

Come scegliere il passeggino: la guida (iStock Photo)

Come scegliere il passeggino: la guida (iStock Photo)

La scelta del passeggino per i propri piccoli è importante anche perché li accompagnerà per almeno tre anni. Tra estetica e funzionalità vanno dunque considerati diversi fattori.

Primi requisiti

Innanzitutto bisognerebbe chiedersi a che cosa servirà di più il passeggino. Se si pensa che si utilizzerà quotidianamente, allora sarebbe meglio optare per un modello robusto e ben strutturato, altrimenti è meglio andare su una tipologia più leggera e compatta, ideale soprattutto per gite e viaggi.

La velocità di chiusura non è da sottovalutare: un valido modello, da questo punto di vista, lo si riconosce se lo si chiude con facilità, ancor meglio se con l’uso di una sola mano (perché magari con l’altra si tiene il piccolo). In questo caso si parla di passeggini con chiusura a libro, compatti, ma un po’ più pesanti. Quelli, invece, con chiusura a ombrelli sono più leggeri, ma generalmente richiedono l’aiuto di entrambe le mani.

Qualunque sia la tipologia preferita, la sicurezza è un aspetto fondamentale. Un buon passeggino deve essere dotato di cinture di sicurezza a cinque punti e rispettare tutte le normative vigenti in materia.

I bebè e i bimbi un po’ più grandi, fino ai tre anni, devono poter stare comodi. Sarebbe bene prendere un modello con sedile e schienale reclinabili e poggia-piedini per consentire ai piccoli di riposare in pieno comfort mentre si passeggia.

È opportuno che ci sia in dotazione anche una piccola cappottina per proteggere figli e nipoti dal sole e dalla pioggia.

Tre o quattro ruote

I passeggini a tre ruote: - sono adatti a ogni tipo di terreno, anche quelli più sconnessi, e si possono portare anche su superfici ghiacciate o con la sabbia; - hanno di solito una seduta spaziosa e ben protetta, adatto non solo per i pisolini, ma anche per nanne un po’ più lunghe; - tendono a essere ingombranti sia quando sono aperti sia quando vengono chiusi, quindi potrebbero dare qualche problema in ascensore o sui mezzi. Bisogna anche valutare l’ampiezza del portabagagli della propria auto o del veicolo su cui si viaggia; - sono pesanti e nella bella stagione trattengono il caldo.

I passeggini a quattro ruote: - sono tra i modelli più pratici da usare in città; - sono più facili da aprire e chiudere rispetto a quelli a tre ruote; - sono ugualmente spaziosi e confortevoli; - sono poco manovrabili, soprattutto su terreni sconnessi, e sono poco pratici, per esempio per salire.

I passeggini trio: - rappresentano un unico acquisto che segue la crescita dei bimbi nei primi anni di vita; - sono pratici e intercambiabili; - sono disponibili a tre o a quattro ruote; - sono più costosi e pesanti; - sono dotati di carrozzina, ovetto e passeggino (da qui il nome trio), però la prima spesso viene usata poco. Potrebbe forse convenire orientarsi sui modelli duo (ovetto o navicella + passeggino).  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro