Lunedì 22 Aprile 2024

Wall Street crolla: Dow Jones -3,08%, Nasdaq -3,80%. Ancora timori su dazi Usa-Cina

Il silenzio di Pechino sulla tregua spaventa. Paura di un rallentamento dell'economia

Crolla Wall Street (Ansa)

Crolla Wall Street (Ansa)

New York, 4 dicembre 2018  - Wall Street precipita in chiusura. Pesano i dubbi legati alla tregua sui dazi tra Usa e Cina, e un più generale timore per il rallentamento della crescita dell'economia americana. Il Dow Jones perde il 3,08% a 25031,41 punti, il Nasdaq il 3,80% a 7158,43 punti. Sprofondano anche per l'indice S&P500: - 3,23% a 2.700,37 punti.

Solo ieri la Borsa di New York godeva dell'effetto positivo della tregua commerciale tra Usa e Cina raggiunta sabato scorso a Buenos Aires tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping. Ma oggi è tornato il pessimismo tra gli investitori: spaventa il silenzio di Pechino sulla tregua, contrapposto ai vari membri della Casa Bianca che non hanno fatto altro che rilasciare dichiarazioni, e talvolta contrastanti. 

A quasto si somma il timore che i rendimenti del Treasury a 10 anni finiscano per scendere sotto quelli del titolo a due anni, determinando una inversione della cosiddetta curva dei rendimenti (e c'è di che temere perché dal 1975 ha sempre indicato una recessione in arrivo). 

Sulle azioni hanno pesato anche fattori di tipo tecnico, come il fatto che il DJIA e l'S&P 500 sono finiti sotto la media mobile a 200 giorni. E domani l'azionario Usa resterà chiuso per i funerali di stato di Bush padre, e la cosa ha forse spinto gli investitori ad alleggerire le proprie posizioni più di quanto non avrebbero altrimenti fatto.