Mercoledì 12 Giugno 2024

Duro intervento di Ursula von der Leyen all’Europarlamento: “Guerra non imminente, ma non impossibile. Mosca in Ucraina non deve vincere”

La presidente della Commissione Ue: “La semplice verità è che non possiamo permetterci il lusso del comfort. Non abbiamo il controllo sulle elezioni o sulle decisioni in altre parti del mondo”. E annuncia investimenti nell’industria della Difesa

Strasburgo, 28 febbraio 2024 – Intervento durio ed esplicito della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, alla plenaria del Parlamento europeo: "La minaccia di guerra potrebbe non essere imminente, ma non è impossibile – avverte -. I rischi di una guerra non dovrebbero essere esagerati, ma dovrebbero essere preparati. E tutto ciò inizia con l'urgente necessità di ricostruire, rifornire e modernizzare le forze armate degli Stati membri". Così facendo – spiega Von der Leyen - “l'Europa dovrebbe sforzarsi di sviluppare e produrre la prossima generazione di capacità operative vincenti. E per garantire che disponga della quantità sufficiente di materiale e della superiorità tecnologica di cui potremmo aver bisogno in futuro. Ciò significa potenziare la nostra capacità industriale della difesa nei prossimi cinque anni".

Approfondisci:

Alta tensione nel Baltico. Ambasciatore lituania: “Mosca sfida? Kaliningrad neutralizzata”

Alta tensione nel Baltico. Ambasciatore lituania: “Mosca sfida? Kaliningrad neutralizzata”

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Raddoppiata la produzione di munizioni

"Lo Strumento europeo per la pace ha mobilitato 6,1 miliardi di euro per sostenere le forze armate ucraine con attrezzature e forniture militari letali e non letali. Il Fondo europeo per la difesa sta investendo in capacità di difesa di fascia alta in settori critici quali il combattimento aereo, navale, terrestre, il preallarme spaziale e il cyber. E abbiamo compiuto grandi passi avanti nella crescita delle nostre capacità industriali e produttive nel settore della difesa. Nelle prossime settimane annunceremo le decisioni di aggiudicazione nell'ambito del programma Asap. Questo finanziamento ci consentirà di raddoppiare all'incirca la produzione europea di munizioni, portandola a oltre 2 milioni di proiettili all'anno entro la fine del 2025".

Ursula Von der Leyen al Parlamento europeo (Ansa)
Ursula Von der Leyen al Parlamento europeo (Ansa)

Acquisti comuni come per vaccini e gas

"L'Europa deve spendere di più, spendere meglio, spendere in modo europeo. Presenteremo alcune proposte nelle prossime settimane con la prima strategia europea di difesa industriale. Uno degli obiettivi centrali della strategia, e del Programma europeo di investimenti nel settore della difesa che ne conseguirà, sarà quello di dare priorità agli appalti congiunti nel settore della difesa. Proprio come abbiamo fatto con i vaccini o con il gas naturale".

Asset russi congelati per armi a Kiev

"Vorrei che pensassimo in grande – dice ancora la presidente della Commissione Ue -. E' tempo di avviare una conversazione sull'utilizzo degli extraprofitti dei beni russi congelati per acquistare congiuntamente attrezzature militari per l'Ucraina. Non potrebbe esserci simbolo più grande e utilizzo migliore di quel denaro per rendere l'Ucraina e tutta l'Europa un posto più sicuro in cui vivere".

Approfondisci:

Navalny, i funerali venerdì a Mosca. La moglie Yulia all’Europarlamento: “Putin è un maledetto mafioso”

Navalny, i funerali venerdì a Mosca. La moglie Yulia all’Europarlamento: “Putin è un maledetto mafioso”

"Mosca non deve vincere”

"In definitiva si tratta di far sì che l'Europa si assuma la responsabilità della propria sicurezza. La semplice verità è che non possiamo permetterci il lusso del comfort. Non abbiamo il controllo sulle elezioni o sulle decisioni in altre parti del mondo. E semplicemente non abbiamo il tempo di aggirare la questione. Con o senza il sostegno dei nostri partner, non possiamo lasciare che la Russia vinca. E il costo dell'insicurezza, il costo di una vittoria russa, è di gran lunga maggiore di qualsiasi risparmio che potremmo realizzare ora. Ecco perché è giunto il momento che l'Europa faccia un passo avanti".